Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il dissidente Airola (M5s) cede e vota a favore del Dl Sicurezza bis: “Non possiamo far cadere il governo su questo”

 

Il dissidente Airola (M5s) cede e vota a favore del Dl Sicurezza bis

Si parlava di lui con timore, come del dissidente che poteva far traballare i numeri della maggioranza in Senato: è Alberto Airola, senatore M5S della prima ora, che si era sempre detto contrario al Dl sicurezza bis.

Ma come spesso insegna la politica, le cose possono cambiare da un momento all’altro, d’altronde “solo gli stupidi non cambiano idea”, si usa dire.

E così, con un discorso che ha spiazzato i più – ma ha anche ottenuto l’applauso dei colleghi – il senatore annuncia il suo voto favorevole, perché “non è l’Anticristo” e altrimenti “si rischia di non aver più il M5s al governo”.

Airola ammette di votare a favore per salvare il governo e dunque il Movimento da una caduta senza pari:

“Ho fatto i miei calcoli, anche inevitabilmente sulle persone – ha spiegato Airola – e il Dl sicurezza bis è una manifestazione di forza del nostro contraente, la Lega, alla quale non possiamo permettere di dividerci”.

“Non è il caso di far cadere il governo su questo, la Lega ha voluto fare una prova di forza ma dobbiamo restare compatti”.

E ancora: “Ora, o do forza al Movimento 5 Stelle, oppure domani non potremmo avere un Movimento al governo, e abbiamo tante cose da fare, prima di tutto fermare il Tav, e realizzare i provvedimenti che finalmente cambieranno la vita dei cittadini”, ha sottolineato il senatore. “Anche se oggi sembra che sto cedendo a qualcosa che non condivido, domani sarò duro e spietato e avrò ragione perché conto di vincere”, ha concluso. Alla fine del suo intervento, diversi esponenti del M5s si sono alzati dai propri posti e hanno abbracciato e baciato Airola per ringraziarlo della sua decisione.

“Mai come oggi penso alla frase di Rino Formica…”, spiega in Aula il senatore del M5S, ricordando la citazione dell’ex ministro socialista che definì la politica “sangue e merda”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi si ritira dalla corsa per il Quirinale, decisivo il parere della famiglia
Cronaca / Quirinale, il passo indietro di Berlusconi: “Draghi resti al governo fino a fine legislatura”
Politica / Quanto guadagna il presidente della Repubblica italiana? Lo stipendio
Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi si ritira dalla corsa per il Quirinale, decisivo il parere della famiglia
Cronaca / Quirinale, il passo indietro di Berlusconi: “Draghi resti al governo fino a fine legislatura”
Politica / Quanto guadagna il presidente della Repubblica italiana? Lo stipendio
Politica / La corsa al riarmo dell’Italia: col ministro Guerini boom di spese militari
Politica / Al Csm non badano a spese: i costi crescono malgrado la crisi
Politica / Quirinale, Silvio Berlusconi rinuncia al Colle: Forza Italia e Fratelli d'Italia contrari all'elezione di Draghi
Politica / Zanda a TPI: “L’erede di Mattarella non può essere Berlusconi. Serve un presidente che guardi al futuro”
Politica / Renzi: “Non vi preoccupante, entro venerdì avremo un nuovo presidente della Repubblica”
Politica / Quirinale, Salvini: “Il centrodestra farà proposte di alto livello. Non faccio nomi”
Cronaca / Bollette, il governo valuta nuove misure per contrastare i rincari record: oggi cabina di regia e consiglio dei ministri