Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Ddl Zan, Bonetti (Italia Viva): “Noi trasparenti. Irresponsabile insistere, serviva dialogo”

Immagine di copertina
Credit:Ansa foto

Ddl Zan, Bonetti (Italia Viva): “Noi trasparenti. Irresponsabile insistere”

Il ddl Zan si è fermato in Senato: Palazzo Madama ha approvato la proposta di non passaggio all’esame degli articoli del testo. La cosiddetta “tagliola” presentata da Lega e Fdi ha ottenuto 154 voti favorevoli, 131 contrari, e due astenuti. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto, è stata accolta da un applauso. Il disegno di legge, che reca misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per sesso, genere o disabilità, tornerà in commissione non prima di sei mesi.

Secondo Elena Bonetti di Italia Viva, “Si è consumato un fatto grave a discapito innanzitutto delle tante donne e tanti uomini vittime di violenze e discriminazioni e si è consumato per un incomprensibile rifiuto della ricerca della mediazione, che nella politica è sempre necessaria: si è voluto procedere con un muro contro muro”.

Al Corriere della Sera la ministra alla Pari opportunità dice: Noi di Iv abbiamo da subito denunciato che questo era il modo per affossare la legge. Se si fosse accettato un dialogo di un’ulteriore settimana come era stato chiesto, probabilmente non si sarebbe arrivati a questo scontro che purtroppo ha dato l’esito che ci si doveva aspettare, date le premesse”.

“Il segretario del Pd Letta aveva aperto con grande chiarezza e poi di fatto la mediazione non è stata portata avanti – analizza la Bonetti – I 5 Stelle e Leu non si sono seduti al tavolo e lo stesso Pd non ha poi operato nell’ottica della mediazione. Io credo sia un atteggiamento irresponsabile che va stigmatizzato anche in generale: più la politica si polarizza in modo ideologico meno sa esercitare il suo ruolo, che è quello di ricomporre le parti per dare risposte concrete ai diritti e ai bisogni degli italiani. Quanto al fatto che il Pd dica che i franchi tiratori erano in Iv, quando non si vuole ammettere una responsabilità evidente si cerca sempre in altri un capro espiatorio. Noi però rispondiamo con la chiarezza dei numeri e dei fatti. Italia viva ha sempre votato in modo coerente e i numeri dicono palesemente che non sono stati i voti di Iv a mancare. Il nostro è stato sempre un atteggiamento trasparente: abbiamo fatto una battaglia a viso aperto. Abbiamo detto pubblicamente ‘i numeri potrebbero mancare, sediamoci a un tavolo’. Sono altri, e il Pd in particolare, che prima hanno detto ‘la legge non si cambia’, poi hanno aperto alla mediazione e quindi hanno fatto retromarcia”.

“Se questo voto è un campanello d’allarme per le votazioni del presidente della Repubblica?”, si domanda la ministra, “Io penso che queste siano dinamiche parlamentari purtroppo note, che dimenticano i cittadini e il dovere di confrontarsi per trovare soluzioni. Per questo è importante che adesso le forze politiche mettano in campo un dialogo maturo e una volontà di incontro e di composizione. Il processo democratico di elezione del presidente della Repubblica deve essere vissuto con una consapevolezza istituzionale alta. In gioco c’è il bene del Paese”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S