Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Retroscena TPI: Copasir, la sfida tra Salvini e Meloni rischia di finire al Quirinale o alla Consulta

Immagine di copertina

Copasir, a che punto è la notte? La partita ieri ha segnato una prima vittoria da parte della Lega di Matteo Salvini nei confronti del partito di Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia (FdI). Ma la sfida tra i due alleati-rivali rischia di non finire qui perché anche se la linea di FdI mira a tenere un profilo “istituzionale” e quindi a non fare troppo rumore mediatico sulla vicenda (pur di non spezzare quel poco che rimane di unità nel centrodestra) certamente tra i vertici del partito non è stata presa bene la decisione dei presidenti di Camera e Senato di “non decidere” o meglio di lasciar fare ai gruppi in merito alla Presidenza del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica.

Per non parlare poi delle chat, a dir poco infuocate (è un eufemismo). Ma, come dicevamo, la partita è lungi dall’essere conclusa. Ora, spiegano fonti molto bene informate sui fatti, “due ordini di problemi si sovrappongono: la questione istituzionale e quella parlamentare“.

Già, perché la questione istituzionale potrebbe addirittura arrivare a coinvolgere il Presidente della Repubblica in qualità di garante della Costituzione. Insomma, si starebbe pensando a un appello al Quirinale per far valere i diritti dell’opposizione.

Poi c’è la questione parlamentare: dalle parti di Fratelli d’Italia starebbero ragionando anche in merito a un’eventuale “ricorso” di fronte alla Corte Costituzionale per possibili conflitti di attribuzione. “Il singolo parlamentare è legittimato a sollevare conflitto di attribuzione davanti alla Corte costituzionale in caso di violazioni gravi e manifeste delle prerogative che la Costituzione attribuisce loro”, scrisse la Consulta nel 2019 a proposito della Legge di Bilancio.

Insomma, la partita del Copasir, è ancora tutta da giocare. E se l’attuale presidente Volpi fa sapere che domani convocherà il comitato di Presidenza alle 14, Fabio Rampelli, uno dei pesi massimi di Fratelli d’Italia, fa sapere a TPI che “sarebbe disonorevole per la Camera e per il Senato se i loro presidenti si rifiutassero di far valere le leggi  degli organi che essi stessi rappresentano”. “Si tratterebbe di un vulnus che metterebbe a rischio  lo Stato di diritto”.

Leggi anche: Quirinale, non solo Draghi. Anche nel Pd c’è chi punta al dopo-Mattarella // Rai, Cdp, Ferrovie dello Stato: al via la grande spartizione tra PD, 5 Stelle e Lega

Ti potrebbe interessare
Politica / Ponte sullo Stretto, aperta un’inchiesta sul progetto del ministro Salvini
Politica / Morte Navalny, Tajani: “Per Salvini serve chiarezza? Per me è indubbio che è stato fatto morire”
Politica / Sindaco nega cittadinanza a marocchina che vive in Italia da 21 anni: “Non sapeva rispondere a ‘Come ti chiami'”
Ti potrebbe interessare
Politica / Ponte sullo Stretto, aperta un’inchiesta sul progetto del ministro Salvini
Politica / Morte Navalny, Tajani: “Per Salvini serve chiarezza? Per me è indubbio che è stato fatto morire”
Politica / Sindaco nega cittadinanza a marocchina che vive in Italia da 21 anni: “Non sapeva rispondere a ‘Come ti chiami'”
Politica / Salvini: “Navalny? Capisco sua moglie, ma la verità la fanno medici e giudici”
Politica / Piantedosi: “Identificazione di chi deponeva fiori per Navalny? Non è un dato che comprime la libertà personale”
Politica / Sparo a Capodanno, Pozzolo accusato dal caposcorta di Delmastro: “La pistola è stata sempre in mano sua”
Opinioni / Perché non dobbiamo sottovalutare la rivolta dei trattori
Opinioni / Ilaria Salis va difesa. Ma non dimentichiamo le nostre ingiustizie
Politica / Privatizzazione Poste Italiane: Governo a caccia di soldi, sindacati in allarme
Politica / Stefano Bandecchi ha ritirato le sue dimissioni da sindaco di Terni