Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Draghi in ritardo di 2 ore e mezza in conferenza stampa. Come accadeva con Conte

Immagine di copertina
Mario Draghi e Giuseppe Conte. Credits: ANSA

Nessuno se lo aspettava dall’ex banchiere centrale dal profilo internazionale osannato per portamento, linguaggio, gusti alimentari, abbigliamento e precisione, e invece Mario Draghi si è fatto attendere proprio come Giuseppe Conte

Sono le 17.30 di un venerdì di metà marzo. L’Italia è ancora per metà rossa, i cittadini attendono la conferenza stampa del loro nuovo premier, la prima da quando si è insediato a Palazzo Chigi prendendo il posto di chi invece ne macinava quasi una a settimana, di conferenze: Giuseppe Conte.

Mario Draghi prima di tenerne una ha aspettato più di un mese: nel frattempo ha varato un nuovo dpcm e un decreto che ha tinto di rosso quasi tutto il Paese fino a dopo Pasqua; ha accelerato, sospeso e riavviato una complicata campagna vaccinale; modificato gli organismi di gestione dell’emergenza sanitaria, dal Cts ai vertici della Protezione Civile.

Lo stile del primo incontro ufficiale con i cronisti è diverso rispetto a quello di Conte: il timbro di voce è più grave, la cravatta e l’abito più scuri, l’atmosfera più tesa. Ma su una cosa Draghi non si differenzia dal suo predecessore: il ritardo, che per l’ex premier era diventata una cifra.

Se il rinvio delle conferenze stampa di Conte di ora in ora era ormai un’abitudine per chi, a casa, attendeva di comprendere “di che morte morire”, anche Draghi non è stato da meno. Nessuno se lo aspettava dall’ex banchiere centrale dal profilo internazionale osannato dalla stampa per portamento, linguaggio, gusti alimentari, abbigliamento e precisione, e invece si è fatto aspettare proprio come l’avvocato.

Certo, non è dipeso tutto da lui: il Cdm che ha preceduto l’incontro con la stampa è iniziato tre ore e mezza dopo l’orario previsto a causa dell’acceso scontro tra le forze politiche sulle cartelle esattoriali (tanto che la Lega, a un certo punto, ha minacciato di non partecipare).

Ma nella nuova sala stampa di Palazzo Chigi (con tre sfumature di blu e una linea tricolore, come descrive Luca Telese) i giornalisti in trepidante attesa hanno dovuto attendere fino alle 20. Anzi, fino alle 20 e 02. E qualcuno aspettava ancora le 20 e 20.

Leggi anche: 1. Draghi a TPI: “Sospendere AstraZeneca? Nessun errore. Non ho agito per interessi tedeschi”. Ma non spiega | VIDEO 2. Draghi, sullo stop ad AstraZeneca non puoi tacere: è stata una decisione politica, e va spiegata 3.“L’Italia non doveva sospendere il vaccino AstraZeneca, abbiamo agito per emotività o politica”. Intervista all’ex direttore generale dell’Aifa Luca Pani / 4. Invece di allarmarvi, chiedetevi a chi conviene se il vaccino AstraZeneca viene sospeso (di Luca Telese)
Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella: “Il rischio che il conflitto in Medio Oriente si allarghi è drammaticamente presente”
Politica / Draghi: “Proporrò un cambiamento radicale per l’Unione europea”
Politica / Luciano Canfora rinviato a giudizio per diffamazione verso Meloni
Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella: “Il rischio che il conflitto in Medio Oriente si allarghi è drammaticamente presente”
Politica / Draghi: “Proporrò un cambiamento radicale per l’Unione europea”
Politica / Luciano Canfora rinviato a giudizio per diffamazione verso Meloni
Politica / Giustizia sociale e ambientale: dialogo tra il cardinale Zuppi e Fabrizio Barca
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Addio alla trasparenza: il regalo di Giorgia Meloni ai mercanti di armi