Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Draghi dice che il figlio ha fatto l’AstraZeneca in Uk, ma non spiega perché lui l’ha sospeso in Italia

Immagine di copertina
Credits: Ansa

La nuova sala conferenze molto elegante – con tre sfumature di blu (e una linea tricolore) che sostituiscono il refettorio austero che fu il pulpito del governo Monti. E in questa sede una conferenza stampa sorprendentemente… “giallorossa”. Un Mario Draghi che non ti aspetti, quello della prima conferenza stampa, cromaticamente tranquillizzante. Un Draghi a cui le domande fanno bene (anche quando si inquieta, come vedremo tra breve), un Draghi che si scioglie, che non rinuncia a qualche ironia, e che si colloca in una sorprendente continuità con il suo predecessore. Stesso scostamento. Stesse scelte di fondo. Stessi rifiuti. Ad esempio sul Mes. Sulla scelta che fece cadere il governo Conte, Draghi spiazza tutti: “Prendere il Mes non è una priorità, con questi tassi di interesse non conviene”. Pare la fotocopia di quello che dicevano (quasi flagellati, a dire il vero) Conte e Gualtieri. Il reddito di cittadinanza? “Lo rifinanziamo con un miliardo” (il perché lo spiega Orlando). Le cartelle esattoriali? Linea Castelli. I licenziamenti? Linea Conte, bloccati fino ad ottobre. Le autorizzazioni sanitarie dell’Ema sullo Sputnik? Finché si può si aspetta, altrimenti si agisce. E il debito? “Mi pare chiaro che le attuali regole dovranno essere riviste. È il momento di dare soldi, non di chiuderli”.

Dunque una conferenza stampa illuminante, finalmente, per capire qualcosa di più sulla filosofia di Draghi. Ogni domanda (garbatamente) più cazzuta dell’altra: bisogna fare i complimenti ai colleghi, davvero. Unico tema su cui il presidente del Consiglio va in confusione? La domanda del direttore di questo giornale, Giulio Gambino su AstraZeneca (poi ribadita da Alessandra Sardoni, ma sempre inevasa). Era giusto sospenderlo senza evidenze scientifiche? La scelta è stata presa anche tenendo conto degli interessi tedeschi? Draghi quasi si trattiene mentre ripete con voce parodizzante la domanda: “Interessi tedeschi???”. Sembra seccato, ma omette due risposte: spiega che il figlio in Inghilterra si è vaccinato con AstraZeneca (quindi mentre da noi era sospeso). Ma non chiarisce perché lui lo abbia sospeso “senza evidenze scientifiche”. Quindi – come commenta sintetizzando in diretta Massimo Giannini – “quella sospensione è stata una scelta politica”. Ma allora non era molto meglio dirlo?

 

Leggi anche: 1. Draghi a TPI: “Sospendere AstraZeneca? Nessun errore. Non ho agito per interessi tedeschi”. Ma non spiega | VIDEO; // 2. Invece di allarmarvi, chiedetevi a chi conviene se il vaccino AstraZeneca viene sospeso (di Luca Telese); // 3.  Intervista all’ex direttore generale dell’Aifa Luca Pani: “L’Italia non doveva sospendere il vaccino AstraZeneca, abbiamo agito per emotività o politica”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Secondo Trump la Corte suprema ha abolito l’aborto “in nome di Dio”: è nata la Repubblica teocratica degli Stati Uniti? (di R. Cristiano)
Opinioni / Lettera aperta di un 24enne: “In Italia non vedo un futuro. Qui il lavoro non dà dignità”
Opinioni / Di Maio, Azzolina, Spadafora e la lezione degli scissionisti che finiscono sempre con lo zerovirgola (di L. Telese)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Secondo Trump la Corte suprema ha abolito l’aborto “in nome di Dio”: è nata la Repubblica teocratica degli Stati Uniti? (di R. Cristiano)
Opinioni / Lettera aperta di un 24enne: “In Italia non vedo un futuro. Qui il lavoro non dà dignità”
Opinioni / Di Maio, Azzolina, Spadafora e la lezione degli scissionisti che finiscono sempre con lo zerovirgola (di L. Telese)
Opinioni / Altro che atlantismo, dietro la scissione M5S si nasconde l'operazione Draghi-bis (di M. Tarantino)
Opinioni / Malgoverno, sfruttamento e inquinamento: perché l’agonia del Po è anche colpa nostra (di R. Gianola)
Opinioni / Guai a parlare di armi con i migliori: l’incredibile silenzio del governo sulla guerra (di G. Gambino)
Opinioni / La dittatura, un ballo in maschera (di A. Likmeta)
Opinioni / Da attivista a "migliore": così Di Maio ha ucciso quel Movimento che lui stesso ha contribuito a fondare (di M. Tarantino)
Esteri / Assange: uccidere un eroe per far sì che tutti restino codardi (di A. Di Battista)
Opinioni / Difendere la psicoterapia per tutelare il paziente: perché l’equiparazione tra psicoterapeuti e psicologi riduce le garanzie di cura