Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

M5S, Conte dopo l’incontro con Draghi: “Restiamo nel governo ma serve discontinuità”

Immagine di copertina

“Ho consegnato a Draghi un documento a nome di tutta la comunità del M5S , in cui sono riassunti le ragioni del disagio accumulato. Siamo disponibili a condividere responsabilità di governo ma occorre un forte segno di discontinuità“, sono le parole con cui Giuseppe Conte ha commentato fuori da Palazzo Chigi l’incontro con Mario Draghi, che si è tenuto nella tarda mattinata di martedì 6 luglio. Per ora il partito sembra intenzionato a restare nel governo, ma a condizione che l’esecutivo dia ascolto alle richieste dei pentastellati, che mirano fondamentalmente ad aiutare famiglie e imprese in vista del caro prezzi. Chiaro anche l’appello lanciato dal leader del Movimento a non mettere in discussione il reddito di cittadinanza.

“Ieri sono raddoppiati i prezzi dell’elettricità e del gas – ha detto Conte ai giornalisti – un aumento incontrollabile. Serve intervento straordinarie per famiglie e imprese, il bonus una tantum non serve, serve il taglio al cuneo fiscale a beneficio dei lavoratori. Non possiamo continuare con buste paga da meno di otto euro lordi l’ora. Dobbiamo aiutare chi non arriva neanche a metà mese, dobbiamo portare a un piano di rateizzazione straordinaria. Sono alcune delle misure presentate e ovviamente non accettiamo più che il reddito di cittadinanza sia messo in discussione, vogliamo parole chiare anche su questo. Migliaia di imprese sono sull’orlo del fallimento, e tutto questo non lo possiamo permettere. Abbiamo bisogno di risposte chiare e impegni precisi in tempi ragionevoli”, ha aggiunto l’ex premier, chiarendo che Draghi nelle prossime ore valuterà le proposte presentate dal M5S.

La rigidità con cui il leader del partito aveva parlato ieri del superbonus – misura distintiva del Movimento contenuta nel decreto aiuti – aveva svelato secondo alcuni il desiderio di Conte di cercare un pretesto per sfilarsi dall’esecutivo, da cui una parte del M5S sarebbe stato già pronta a uscire nonostante la resistenza dei cosiddetti governisti, che per giorni hanno cercato di evitare l’irreparabile. Come il capogruppo alla Camera Davide Crippa e il ministro per il Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, a cui si deve lo slittamento dell’incontro tra Conte e Draghi da ieri a oggi: 24 ore necessarie a “sminare il terreno” seminato da chi vorrebbe andare all’opposizione.

Già nel corso del Consiglio nazionale allargato del M5S che ha preceduto il vertice a due ad avere la meglio era stata la linea governista, ma durante l’incontro era emerso “il disagio politico dell’intera comunità del M5s”. “La permanenza al Governo dipende dalle risposte concrete, nei fatti, che verranno date ai vari punti delle nostre richieste”, avevano dichiarato. In serata ci sarà la congiunta con i gruppi di Camera e Senato.

Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione
Politica / Da Marta Fascina ad Annalisa Chirico, passando per Umberto Bossi: centrodestra al lavoro sulle liste elettorali
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione
Politica / Da Marta Fascina ad Annalisa Chirico, passando per Umberto Bossi: centrodestra al lavoro sulle liste elettorali
Politica / Cottarelli: “Il presidenzialismo non mi piace, accentuerebbe la personalizzazione della politica”
Politica / Berlusconi: “Le sentenze di primo e secondo grado non saranno appellabili. Basta processi all’infinito”
Politica / Crisanti: “Salvini? Se avessimo dato retta a lui i morti per Covid sarebbero stati 300mila”
Politica / Conte: "Letta, Di Maio e Draghi volevano farmi fuori, i veri progressisti siamo noi"
Politica / Giorgia Meloni contro il Reddito di cittadinanza: "È un fallimento totale"
Politica / La gag di Berlusconi: "Il 25 settembre vota il Partito Comunista"
Politica / Quando Meloni diceva: "Mussolini è stato un buon politico"