Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Di Stefano (Casapound) a TPI: “Pronti a scendere in piazza con le Sardine, ma senza bandiere”

Immagine di copertina

Il movimento di estrema destra si dice pronto a unirsi alle Sardine alla manifestazione di Roma. E il suo leader aggiunge: "Vorremmo discutere di idee"

Di Stefano (Casapound) a TPI: “Pronti a scendere in piazza con le Sardine, ma senza bandiere”

Dopo la polemica intorno alla presunta apertura delle Sardine nei confronti di Casapound, il movimento di estrema destra cavalca la possibilità di partecipare alla manifestazione prevista a piazza San Giovanni, a Roma, sabato 14 dicembre. In un tweet, il leader di Casapound Italia Simone Di Stefano scrive infatti: “Le sardine ci invitano in piazza? Ci andiamo, ma non canteremo di certo Bella Ciao”. Intanto, le Sardine in un post Facebook chiariscono che “le piazze delle sardine si sono fin da subito dichiarate antifasciste e intendono rimanerlo” e che non esiste “nessuna apertura a CasaPound, né a Forza Nuova. Né ora né mai”. Di Stefano, contattato telefonicamente da TPI, risponde alle domande sulle intenzioni del suo movimento.

Di Stefano, Casapound si unirà alla piazza delle Sardine?

Penso di sì, l’invito è arrivato da parte del responsabile romano quindi noi ci andremo. Senza bandiere, in piena libertà come tutti. Anche le persone che finora sono in piazza con le Sardine magari in passato hanno votato o partecipato attivamente alla vita di alcuni partiti, però poi scendono in piazza mischiandosi agli altri senza bandiere e striscioni.

In un comunicato di chiarimento, le Sardine hanno sottolineato che esiste “una linea netta di demarcazione” fra chi crede in valori come democrazia, uguaglianza, rispetto e antifascismo e “chi invece viene da un passato e un presente che mostra tutt’altro”. Come risponde?

Non si va in piazza per i valori, ma per le idee. E poi si vede se queste idee riscontrano i propri valori. Noi siamo fermamente convinti della democrazia, dello Stato sociale, di tante altre cose che secondo me possono piacere anche alle cosidette “Sardine”.

Ma quali idee potrebbero accomunarvi alle Sardine?

Non so, finora le Sardine non sono riuscite tanto a spiegare le loro proposte politiche. Forse vorranno ascoltare anche le nostre. Siamo aperti al dialogo.

Le Sardine sono nate per contrapporsi a una certa narrazione di destra, in particolare alla Lega di Matteo Salvini. Voi invece avete tutt’altro atteggiamento verso il leader della Lega. Come potete scendere in piazza al loro fianco?

Noi siamo stufi come tutti che in Italia si debba parlare esclusivamente di quello che dicono i media. La narrazione complessiva è scadente. Non ci piace come si è messa la politica in Italia, con le contrapposizioni tra le Sardine e i gattini, razzismo sì-razzismo no. Bisogna fare un passo avanti e parlare di idee.

Cosa pensa di questo movimento?

Fin qui mi è sembrata una protesta anti-Salvini, legata molto al Pd e alla sinistra in generale. Se però dicono di voler interrompere una certa narrazione, su questo possiamo essere d’accordo. Non piace neanche a noi la narrazione della politica italiana per cui si può parlare solo di immigrazione o di tasse. Dobbiamo parlare di idee, se questa piazza può essere un veicolo per tornare a parlare di idee siamo ben contenti.

Tra i valori condivisi citati dal comunicato delle Sardine c’è anche l’antifascismo.

L’antifascismo è un contenitore che va riempito di contenuti. Penso che spesso ci troviamo di fronte a un problema semantico: c’è chi dentro la parola “fascismo” mette dentro la dittatura, il razzismo, la violenza e la coercizione. Io invece analizzo il fenomeno dal punto di vista dello Stato sociale, del corporativismo.

Anche noi siamo contro le dittature, oggi abbiamo una dittatura finanziaria imposta da organismi sovranazionali che non hanno controllo democratico. Questo può essere un tema di cui parlare anche con le Sardine.

Le sardine aprono a CasaPound? Il movimento fa chiarezza con un comunicato

Le Sardine all’estero a TPI: “Altro che italiani pecoroni, ora siamo noi il motore del cambiamento. Anche fuori dall’Italia”

Ti potrebbe interessare
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Ti potrebbe interessare
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette