Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

La candidatura di Conte alla Camera rischia di rivelarsi una “polpetta avvelenata”

Immagine di copertina
Credit: Andreas SOLARO

Sembrerebbe proprio una bella “polpetta avvelenata” quello che qualcuno vorrebbe servire a Giuseppe Conte facendolo candidare alla Camera. Già perché se Emanuela Claudia Del Re, ex viceministra degli Esteri, si dovesse dimettere da deputata per assumere l’incarico di rappresentante speciale della Ue per il Sahel, il Movimento 5 Stelle potrebbe non farcela a tenere il seggio in quel collegio.

Persino se il candidato fosse, come qualche big della vecchia guardia del Movimento vorrebbe, l’ex premier Giuseppe Conte. Basta fare due chiacchiere con chi fa politica sul “territorio” per capirlo. Il collegio è quello di Primavalle/Casalotti, in poche parole quello della funivia di Roma Casalotti-Battistini.

Ecco cosa dice un politico di lungo corso, uno che conosce benissimo il territorio della capitale, palmo dopo palmo: “Mi sembra una fregatura per Conte. La Del Re vinse in virtù del botto di voti ottenuti dai 5 Stelle in quegli anni. Oggi invece i consensi sono in caduta libera. Basta vedere i voti che prese il centrodestra in quella tornata elettorale; perse ma di pochissimo (Del Re vinse con 39.550 voti contro i 38.226 voti presi dal candidato di centro-destra). Ora il vento è profondamente cambiato: difficile pensare che possa farcela Giuseppe Conte anche se in alleanza con il Pd (partito che non sta entusiasmando affatto). I dati del 2018 ormai sono preistoria politica“.

Senza contare poi che nelle ultimissime rilevazioni fatte in occasione della corsa per il sindaco di Roma da quelle parti il M5s è il quarto partito. Insomma, le suppletive potrebbero trasformarsi in un supplizio per un eventuale candidatura 5 Stelle. Con inevitabili ripercussioni anche sulla futura leadership del Movimento se il candidato dovesse essere Giuseppe Conte.

Leggi anche: C’è un posto anche per Renzi nel nuovo centrodestra moderato di Salvini-Berlusconi

Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”