Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Camera, il ritorno di Enrico Letta: standing ovation del Pd. “Non chiederemo il voto anticipato”

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

“Sono qui per chiedere alla Camera di confermare le mie dimissioni. Dimettermi dal Parlamento non vuol dire dimettermi dalla politica”: era il 23 luglio 2015 e la Camera, con 287 voti a favore e 82 contrari, approvava le dimissioni di Enrico Letta. Sei anni dopo, con l’emozione di chi rivive un “primo giorno di scuola”, il segretario del Pd varca nuovamente l’aula del Parlamento. Scortato dalla capogruppo Debora Serracchiani, entra di corsa in aula, accolto dagli applausi.

Torna, a sua detta, da “semplice deputato di Siena”. “Sono qui per l’intervento della Lamorgese, oggi se mena”, scherza mimando il gesto delle botte. “Onorato ed emozionato” di ricominciare là dove aveva lasciato.

“Noi non cederemo alla tentazione di chiedere il voto anticipato per un presunto interesse di parte”, scandisce, “so bene che qualcuno pensa che sarebbe più conveniente approfittarne ora, ma per noi viene prima l’interesse del Paese. E l’interesse del Paese è avere Draghi a Palazzo Chigi. La legislatura deve continuare sino al 2023 per completare le riforme e il Pnrr”. Parla chiaro Letta, come chiaro è il lavoro che ha iniziato a svolgere dal suo rientro dall’esilio parigino. L’idea di base è quella di costruire il Nuovo Ulivo mettendo in piedi un sistema di alleanze che vada da Conte a Calenda. Poi, ovviamente, c’è la partita del Quirinale: mentre il centrodestra fa quadrato per discutere sulle ragioni della sconfitta elettorale e ideare una strategia incentrata su Berlusconi nuovo presidente della Repubblica, anche la sinistra è all’opera per non restare esclusa dai giochi.

Della successione a Mattarella si comincerà a parlare da gennaio, una volta approvata la legge di Bilancio. E nessuno si sogni di indicare l’attuale premier per il Colle. Sarà Draghi a decidere cosa fare, e il Pd agirà di conseguenza. Appoggiando qualunque scelta voglia prendere – è la strategia – ma cercando di assicurare la prosecuzione delle Camere. Magari con il varo di un nuovo governo modello Ursula, Fi dentro e la Lega fuori, utile anche a definire il perimetro delle future alleanze.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Un giovane sano che si vaccina è un servo e va escluso dalla vita sessuale”: il post del consigliere leghista
Politica / Rincari bollette, Giorgetti: “Rischio black out energetico”
Politica / Svolta storica per il M5S, vince il sì al 2×1000. Conte: “È il principio della democrazia diretta”
Ti potrebbe interessare
Politica / “Un giovane sano che si vaccina è un servo e va escluso dalla vita sessuale”: il post del consigliere leghista
Politica / Rincari bollette, Giorgetti: “Rischio black out energetico”
Politica / Svolta storica per il M5S, vince il sì al 2×1000. Conte: “È il principio della democrazia diretta”
Politica / “Vietato dire Natale”: l’Ue fa retromarcia sul linguaggio inclusivo
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Politica / Castellina: “Quirinale? Spero in un bis di Mattarella. Tra le donne la mia scelta è Rosy Bindi”
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci