Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Perché dal programma dei Verdi è sparito ogni riferimento sulle armi a Kiev?”. Bonelli non risponde alla domanda | VIDEO

Incalzato dal direttore di TPI Giulio Gambino, il leader dei Verdi non ha risposto al quesito

“Perché dal programma dei Verdi è sparito ogni riferimento sulle armi a Kiev?”. Bonelli non risponde

“Mi faccia rispondere alla domanda di Cerasa”: così Angelo Bonelli, leader dei Verdi, il partito che alle prossime elezioni politiche del 25 settembre si presenta insieme a Sinistra Italiana nella coalizione di centrosinistra guidata dal Pd, ha glissato sulla domanda posta dal direttore di TPI Giulio Gambino nel corso di Mezz’ora in più, il programma d’approfondimento in onda su Rai 3 nel pomeriggio di domenica 11 settembre.

Nel corso della trasmissione, alla quale hanno partecipato Giuseppe Conte, Antonio Tajani, Nicola Fratoianni e per l’appunto Angelo Bonelli, il direttore di TPI Gambino, tra i vari quesiti, ha chiesto a Bonelli: “Nel programma politico dei Verdi presente sul sito c’è la frase ‘fermare l’invio di armi all’Ucraina’. Su quello depositato al Viminale questa frase è sparita. Come mai?”.

“Abbiamo parlato fino ad adesso di questo, mi faccia rispondere a Cerasa (il direttore de Il Foglio anche lui ospite in studio n.d.r.)” ha replicato Bonelli, che, quindi, non ha chiarito come mai vi fosse questa discrepanza tra i due programmi elettorali.

Sul programma presente sul sito dei Verdi, infatti, al punto 13, quello relativo a “L’Italia della pace” vi è un passaggio relativo all’Ucraina in cui c’è scritto: “Va interrotto subito l’invio di armi in Ucraina e riaperta la strada del confronto diplomatico con determinazione e convinzione, prima che sia troppo tardi”.

Nel programma depositato al Viminale in occasione della presentazione dei simboli, invece, non vi è traccia di questo passaggio. In molti, sui social, hanno azzardato l’ipotesi che sulla questione armi all’Ucraina si sia volutamente soprassedere per non creare ulteriori tensioni con il principale partito della coalizione, il Pd, che, invece, si è sempre detto favorevole, anche attraverso il voto in Parlamento, all’invio di armi a Kiev.

Ti potrebbe interessare
Politica / La madre di Giorgia Meloni contro Rula Jebreal: “Si vergogni di attaccare mia figlia usando la storia del padre”
Politica / Beppe Grillo condannato per diffamazione contro un’ex parlamentare del Pd
Politica / Meloni, prima uscita pubblica dopo il voto: “L’Italia deve tornare a difendere i suoi interessi”
Ti potrebbe interessare
Politica / La madre di Giorgia Meloni contro Rula Jebreal: “Si vergogni di attaccare mia figlia usando la storia del padre”
Politica / Beppe Grillo condannato per diffamazione contro un’ex parlamentare del Pd
Politica / Meloni, prima uscita pubblica dopo il voto: “L’Italia deve tornare a difendere i suoi interessi”
Politica / Ecco l’Italia di Giorgia: viaggio tra i sostenitori di Meloni
Politica / Governo, Berlusconi: "Massima comunità d’intenti nel centrodestra". Lega, lo strappo di Bossi
Politica / Bertinotti a TPI: “Il Pd deve sciogliersi. La sinistra riparta dalle ceneri. O non sarà”
Politica / Inflazione record e bollette alle stelle: perché lo Stato deve intervenire subito sui rincari. Sostieni la petizione di TPI
Politica / Aborto, parla la ragazza che ha contestato Boldrini: “Non ci rappresenta, il Pd ha governato a braccetto con il centrodestra”
Politica / La lettera di Enrico Letta agli iscritti e alle iscritte sul Congresso Costituente del Nuovo PD: “Apertura, opposizione, nuova vita”
Politica / Firma anche tu la petizione di TPI e Change.org: “Lo Stato paghi gli aumenti delle bollette”