Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Blocco studentesco contro Fioramonti e lo studio dei cambiamenti climatici a scuola: “Ministro della distruzione”

Il movimento legato a Casapound ha affisso slogan contro il ministro dell'Istruzione fuori da alcune scuole di Bologna e dell'Umbria

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 14 Nov. 2019 alle 15:14 Aggiornato il 14 Nov. 2019 alle 15:32
661
Immagine di copertina

Blocco studentesco affigge manifesti contro Fioramonti e lo studio dei cambiamenti climatici

“Fioramonti ministro della distruzione”, è la frase che campeggia sui manifesti affissi da Blocco studentesco fuori da alcune scuole di Bologna e dell’Umbria per protestare contro il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti.

Lo riporta lo staff del movimento legato a Casapound in una nota diffusa il 14 novembre, in cui specifica che i manifesti sono stati allestiti “in risposta alle proposte del MIUR sull’introduzione di programmi scolastici obbligatori  per lo studio dei “cambiamenti climatici”.

Fioramonti ha detto in un’intervista a Reuters che dal prossimo settembre 2020 tutte le scuole pubbliche dovranno dedicare 33 ore all’anno allo studio dei cambiamenti climatici, grazie a una legge varata dal governo a guida Lega-M5S, che lascia spazio alla possibilità d’introdurre temi ambientali nell’ora di educazione civica.

Ma per gli attivisti di Blocco studentesco, il ministro in quota M5S sarebbe un “globalista convinto che dissemina fake news”.

“Uno che, per capirsi, è scappato all’estero quando ha ottenuto una cattedra all’Università di Pretoria e ha collaborato attivamente con sigle finanziate da Soros e dalla fondazione Rockefeller. Siamo di fronte ad un convinto globalista, un sorosiano che, senza scivolare nel complottismo, ha semplicemente sposato l’agenda della Open Society. Uno di quelli che non vuole il crocefisso in aula e fa studiare solo l’inglese al figlio. Programmi quindi, quelli sui cambiamenti climatici, in odore di fake news, che saranno sicuramente infarciti di nozioni vaghe, poche soluzioni e tanto buonismo ‘gretino’” , si legge nella nota diffusa questa mattina.

“La rivoluzione non si trova nei programmi del Miur ma nella terra che ci circonda, quella che i nostri antenati hanno chiamato ‘Italia’. I giovani devono essere educati ai sentieri di montagna e dei boschi, della campagna e dei mari. Per rispettare l’ambiente lo si deve conoscere profondamente ed amare. Cosa può insegnarci Fioramonti, se non a cambiare casa (e casacca) quando cambia lo stipendio?”, scrivono i giovani attivisti, per cui la responsabilità dei cambiamenti climatici nel generare i disastri ambientali a cui assistiamo oggi anche in Italia sarebbe solo una fake news.

Leggi anche:

L’Italia sarà il primo paese al mondo a rendere obbligatorio a scuola lo studio dei cambiamenti climatici

Venezia, mentre la Lega vota contro il contrasto ai cambiamenti climatici l’aula viene sommersa dall’acqua

“Ecco perché le lobby vogliono impedire la tassa sulle merendine che ho proposto”: il ministro Fioramonti parla a TPI

Casapound oscurata sui social. Facebook Italia a TPI: “Abbiamo bannato il fascismo”

661
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.