Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Centrodestra che pazzia. Così Berlusconi ha incastrato gli alleati. Salvini? “L’ha presa malissimo”

Immagine di copertina
Silvio Berlusconi e Matteo Salvini. Credit: Ansa

Retroscena TPI. Fonti di Forza Italia rivelano al nostro giornale: "Meloni e Salvini pensavano che Berlusconi avesse abbandonato la linea dell'appoggio al Governo. Invece il Cavaliere si è imposto e gli altri due non l'hanno presa affatto bene. Il Pd vuole far fuori Conte"

Berlusconi alla fine c’è riuscito, la linea del centrodestra l’ha dettata lui e l’ha dettata dando uno “schiaffo agli alleati”. Secondo fonti interne a Forza Italia, la decisione dell’ex Cavaliere di dare il voto favorevole allo scostamento di bilancio è arrivata nella serata di mercoledì, quando ha parlato con il ministro Gualtieri: “Meloni e Salvini pensavano di averlo convinto, credevano che Berlusconi avesse abbandonato la propria linea, in nome dell’unità del centrodestra”, ma poi qualcosa è cambiato. “Berlusconi ha chiamato Gualtieri – sottolinea un forzista a TPI – e dopo ha comunicato la decisione alle capigruppo Gelmini e Bernini”, dando l’ordine di votare a favore dello scostamento di Bilancio.

In Forza Italia sanno benissimo che i due alleati non l’hanno presa bene: “Salvini soprattutto l’ha vissuta malissimo, ma ha dovuto accettare la situazione solo per evitare che il merito delle proposte passate nella manovra fossero intestabile unicamente a Berlusconi”. Certo è che nella stessa Forza Italia le incertezze su un aiuto al governo e al Pd erano molte, soprattutto da parte dell’area più filo-leghista del partito: “Ronzulli, Ghedini ma anche Bernini non appoggiavano la linea del Cavaliere”, dicono alcuni forzisti.

Ma una cosa la sanno tutti gli azzurri: “Molti hanno capito che Salvini sarà sempre fuori dal cosiddetto arco costituzionale”. In poche parole il leader leghista non arriverà mai a Palazzo Chigi: “Lo pensa anche Giorgetti…” fanno sapere da Forza Italia. Per i fedelissimi di Berlusconi, quindi, la partita è stata vinta e poco importa dei tre parlamentari persi per strada e passati alla Lega. Addirittura li chiamano le povere anime in pena: “Sono andati verso Salvini solo per calcolo personale – rivela un parlamentare di Forza Italia a TPI – con l’obiettivo di far estinguere Forza Italia, consegnare le spoglie a Salvini e avere, dal leader leghista, un pugno di collegi sicuri”.

In particolare su Maurizio Carrara i forzisti dicono: “Prima si è avvicinato a Mara Carfagna poi ha corteggiato molto Carlo Calenda, dicendo che Forza Italia era troppo sotto schiaffo di Salvini”. Insomma per Forza Italia la vittoria c’è stata e sul possibile rimpasto di governo, agognato da molti, le nostre fonti dicono: “Parlatene con il Pd. I primi a voler far fuori Conte sono proprio loro”. Quel che è certo è che tutti aspettano al varco i grillini e vogliono capire se nel M5s ci sarà davvero una scissione.

Leggi anche: 1. Laura Boldrini a TPI: “Feltri mi ha detto, se non togli il riferimento a mio padre Vittorio non ti pubblico il pezzo” / 2. Retroscena TPI – Pd e M5S lavorano per un accordo alle comunali di Roma (senza Virginia Raggi)

Ti potrebbe interessare
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Ti potrebbe interessare
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali
Politica / Draghi, Renzi, Di Maio: le tre spine per Conte nuovo leader M5S
Politica / Ddl Zan, il piano di Renzi e Salvini per farlo approvare subito (ma alle loro condizioni)
Politica / La riforma della giustizia passa alla Camera: sì alla fiducia, anche M5s a favore
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Politica / Stragi, Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere