Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Azzolina sfida Salvini: “Voglio un confronto in tv”. E lui risponde: “Quando vuole”

Immagine di copertina

Azzolina sfida Salvini: “Voglio un confronto in tv con lui”

“Sono donna, sono un ministro Cinque stelle, sono giovane, c’è l’idea che noi M5s siamo incompetenti, anche se io ho due lauree, l’abilitazione all’insegnamento, specializzazioni. Adesso, anche basta”: la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina è stanca delle polemiche e degli attacchi, così, in un’intervista all’Huffington Post annuncia: “La scuola riaprirà regolarmente il 14 settembre ed escludo nuovi lockdown. Ora sappiamo cosa fare, ma serve la responsabilità di tutti. Mi attaccano, vado in tv e spiego io, adesso basta”. E ai sindacati che dicono, “non ci sono le condizioni per riaprire a settembre”, risponde: “Dai sindacati mi aspetto collaborazione. Noi per settembre saremo pronti, ma ognuno deve fare la propria parte. Non si può sempre dire no a tutto, ad ogni tentativo di innovazione, serve coraggio”.

Tra i maggiori antagonisti della ministra Azzolina c’è Matteo Salvini, ed è proprio al leader leghista che la ministra lancia il guanto di sfida per un confronto televisivo: “Sono prontissima”, dice Azzolina. “Capisco che Salvini appartiene a quel centrodestra che diceva, “con la cultura non si mangia”, quindi probabilmente non ama né i musei, né i teatri, né i cinema. Per me rappresentano luoghi di cultura. Quindi, portare gli studenti anche lì, al di là dell’aula scolastica, è un modo per avvicinare tantissimi ragazzi, anche con poche possibilità economiche, nei luoghi dove si fa cultura”, prosegue la ministra.

Non è tardata la risposta del senatore leghista che ha dichiarato: “Quando vuole e dove vuole”. Così, a Matera, Matteo Salvini ha risposto a una domanda dei giornalisti. “Da genitore – ha aggiunto – sono al fianco di genitori, insegnanti, presidi, sindaci e studenti che ancora non hanno capito che cosa succederà nella scuola. Abbiamo – ha continuato Salvini – un ministro evidentemente incapace di svolgere il suo ruolo. Si siede sulla scrivania di Benedetto Croce, di Giovanni Gentile. Ho letto che dice che io la attacco perché è donna. No, la attacco perché è incapace. Prima si dimette e prima la scuola tornerà ad avere dignità”.

Leggi anche: Azzolina risponde in diretta tv all’attacco di Salvini: “Qual è il suo curriculum?”; Scuola, manifestazioni contro il piano Azzolina per la riapertura: studenti, docenti e presidi in piazza / 2. “Plexiglass” o “plexiglas”? Azzolina e Salvini litigano su Twitter

Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi incorona Salvini come leader del centrodestra
Politica / Green pass per i trasporti (ma da settembre), vaccini obbligatori per il personale scolastico
Politica / Michele Santoro al TPI FEST! 2021: “Vi dico la verità sulle stragi di Mafia”
Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi incorona Salvini come leader del centrodestra
Politica / Green pass per i trasporti (ma da settembre), vaccini obbligatori per il personale scolastico
Politica / Michele Santoro al TPI FEST! 2021: “Vi dico la verità sulle stragi di Mafia”
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”
Politica / Salvini dal Papeete: “Conte odia Draghi e Letta gli fa da palo”
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest!: "5s in giunta? Mai! A Roma la Raggi non è stata all'altezza"
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest: “Con Franco il ministero dell’Economia in buone mani”
Politica / Conte e Di Maio negano, ma ieri hanno litigato sulla giustizia: "Dove vuoi arrivare Giuseppe?"
Politica / La tragicomica fuga del deputato di Fratelli d'Italia durante la bagarre alla Camera | VIDEO
Politica / Giustizia, tra i reati esclusi dall’improcedibilità manca il disastro ambientale. Europa Verde: “Rischio impunità”