Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Benvenuti nell’era del populismo vaccinale: il Governo blocca (di nuovo) AstraZeneca ma non spiega perché

Immagine di copertina

Esattamente come 3 mesi fa l’esecutivo italiano stoppa la campagna del vaccino anglo-svedese, ma non dà spiegazioni. Agisce sull’emotività. O peggio

La morte di Camilla rischia di essere inutile. E la reazione del Governo e del Comitato tecnico-scientifico è a dir poco inspiegabile. Sono bastate poche ore, infatti, per scoprire che Camilla la ragazza tragicamente morta dopo la prima dose di vaccino – aveva un deficit congenito della coagulazione (piastrinopenia familiare) che ha provocato reazione avversa all’iniezione di AstraZeneca.

La sua è una morte folle, dolorosa per tutti, drammaticamente inutile. Ma è – soprattutto – una morte che si poteva evitare. Le indagini ci diranno cosa ha prodotto questo esito, ma le possibilità non sono molte: o è stata condotta male l’anamnesi (l’indagine che si fa al centro vaccinale prima di procedere all’iniezione) o il medico presso cui la ragazza era in cura non ha avvisato Camilla del fatto che era in una situazione di potenziale rischio oppure sono accadute entrambe le cose insieme.

Ma la causa della morte della ragazza – per fortuna o purtroppo – è una di queste due motivazioni, non il vaccino. Se poi ad un malato fragile, sotto terapia, che ha una fragilità genetica certificata, che è giovane ed è donna, si dà anche la dose del vaccino che più è sconsigliato per donne, giovani, con la predisposizione a problemi di coagulazione del sangue, allora (come è accaduto) il pasticcio è servito.

Il tema, tuttavia, è che la reazione del Governo e del ministero della Salute, ancora una volta, è inspiegabile: cambiare l’intero piano vaccinale, addirittura variare la programmazione di tutte le seconde dosi ancora in essere. Questo è semplicemente privo di logica.

Immaginate per un attimo un esempio estremo: il giovane guidatore di un’auto va a controllare le gomme prima di mettersi in viaggio. Il gommista gli dice: “Tutto a posto!”. Ma poi si scopre che per distrazione, il gommista, non si è accorto di un grosso chiodo piantato nel copertone. Per questo motivo, dopo pochi chilometri percorsi in autostrada al guidatore esplode una gomma. La macchina sbanda, il ragazzo muore.

Ebbene, l’unica reazione possibile è quella di indagare il gommista per omicidio colposo: ovvero per una grave negligenza che – senza nessuna volontà omicida – ha prodotto un esito tragico. La reazione del Comitato tecnico-scientifico alla morte di Camilla, invece, è stata emotiva, irrazionale, due volte fuori misura. Invece di partire dal problema, i tecnici si sono lasciati travolgere dalla paura e dal calore mediatico.

È come se, dopo l’incidente che abbiamo descritto, il Governo decidesse di chiudere l’autostrada. Come se, invece di consigliare prudenza e controlli sulle auto, dicesse a tutti i viaggiatori di scendere dal veicolo e di cambiare le gomme.

E infatti cosa si sta dicendo ora agli italiani? Non solo di non usare più AstraZeneca, ovvero di chiudere una intera autostrada che è vitale per il grande traffico che sopporta. Ma – addirittura – si prescrive alle persone che hanno già superato il casello e sono già in viaggio, di cambiare vaccino.

Sarebbe come – in piena estate – consigliare agli automobilisti di mettere le gomme da neve, facendo credere che questa sia una soluzione al problema della foratura. Il problema invece è il chiodo, non la gomma. Mi pare che l’unico soggetto che trarrebbe vantaggio da questa sostituzione sarebbe in produttore dei pneumatici da neve, cioè la Pfizer (che aumenta ulteriormente il suo fatturato).

E non basta: il cambio del vaccino – solo nella seconda dose – non garantisce nessuna sicurezza. Anzi, è un pasticcio che non è mai stato sperimentato su vasta scala. Se ne parlò, in passato, e venne sconsigliato da molti virologi (che oggi purtroppo tacciono).

Stupisce, dunque, che il Governo e il Comitato tecnico-scientifico non abbiano mantenuto i nervi saldi, proprio nel momento in cui era più importante farlo. Bisogna dire agli italiani che oggi magari avranno una sensazione di sollievo, oppure di soddisfazione, o addirittura di rassicurazione, che questa scelta, invece di risolvere i vecchi problemi, ne crea due. Non restituisce la vita a Camilla. E non ci rende per nulla più sicuri. Del populismo vaccinale non si può che diffidare.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale: Draghi vuole il Colle, ma la variante Omicron potrebbe cambiare le carte in tavola
Opinioni / La legalizzazione della Cannabis riscuote consenso, ma il Parlamento è troppo conservatore per accorgersene
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale: Draghi vuole il Colle, ma la variante Omicron potrebbe cambiare le carte in tavola
Opinioni / La legalizzazione della Cannabis riscuote consenso, ma il Parlamento è troppo conservatore per accorgersene
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)