Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Sanremo 2022, top e flop della serata finale del Festival

Immagine di copertina

Sanremo 2022, top e flop della serata finale

SANREMO 2022 TOP E FLOP – Chi è stato il migliore ieri sera? E il peggiore? Dopo la serata finale del Festival di Sanremo 2022, il nostro Renzo Di Falco dice la sua con le sue particolari pagelle: i Top e Flop del Festival. Ecco chi è andato bene e chi no:

TOP

Sabrina Ferilli
Strepitosa nel monologo non monologo che distrugge l’ossessione del Festival per i monologhi tematici-problematici. Elogia la leggerezza, ed è una padrona di casa perfetta.

Gianni Morandi
Un mito come pochi, trasversale, social, amato anche dalle nuove generazioni. Non aveva niente da perdere e infatti per noi ha vinto.

Mahmood e Blanco
Il pezzo è bellissimo e cresce ad ogni ascolto. Questo Sanremo per Mahmood è una conferma, per Blanco la consacrazione.

Sangiovanni
Non passerà alla storia per la voce o la tecnica ma a 18 anni avere quella grinta sul palco e quell’educazione fuori non è cosa frequente. In più Farfalle sarà un tormentone.

Elisa
La grandezza di Elisa è che ha sempre la timidezza e il pudore di una esordiente, poi canta e esce la fuoriclasse sicura che canta un pezzo tra i suoi più belli.

La puntata finale
La liturgia sanremese specie per l’ultima puntata ha i suoi riti e i suoi tempi. Ma stavolta la serata ha ritmo, scorre piacevolmente, l’atmosfera è rilassata e tutto risulta meno ingessato. Merito di Amadeus direttore artistico prima che presentatore.

FLOP

Fantasanremo
Sono bastati pochi giorni per degradare completamente lo spirito del gioco. Il regolamento contiene eccezioni e citazioni che i cantanti conoscevano bene e hanno messo in pratica. Risultato, tanta noia e prevedibilità. Da rivedere.

Il monologo di Mengoni e Scotti
La Ferilli aveva appena finito di dire quanto siano inopportuni certi monologhi in tv per il rischio di una banalizzazione ed ecco l’ennesimo pilotto retorico sulla libertà di parola e sull’odio social.

Giovanni Truppi
Pezzo interessante, cantautore maturo e con un quid interessante ma nel contesto del Festival è risultato un pesce fuor d’acqua per  distacco e poco coinvolgimento.

QUI TUTTE LE NOTIZIE SUL FESTIVAL DI SANREMO
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Opinioni / Legge, ordine e manganelli (di M. Cirinnà)
Opinioni / La democrazia non è solo contare i voti ma un insieme di regole e meccanismi (di S. Mentana)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Opinioni / Legge, ordine e manganelli (di M. Cirinnà)
Opinioni / La democrazia non è solo contare i voti ma un insieme di regole e meccanismi (di S. Mentana)
Opinioni / Basta armi: serve un’Europa non allineata (di Yanis Varoufakis)
Esteri / Due anni di guerra e un’America sempre più lontana: l’Europa è al bivio
Opinioni / Perché non dobbiamo sottovalutare la rivolta dei trattori
Opinioni / Ilaria Salis va difesa. Ma non dimentichiamo le nostre ingiustizie
Opinioni / La colpa è sempre del padrone? Perché sui cani che uccidono la questione è prima di tutto culturale
Opinioni / Pace e reddito: così la Sinistra tornerà credibile (di F. Dolce)
Opinioni / A Sanremo le parole contano