Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Sanremo 2022, top e flop della quarta serata del Festival

Immagine di copertina

Sanremo 2022, top e flop della quarta serata

SANREMO 2022 TOP E FLOP – Chi è stato il migliore ieri sera? E il peggiore? Dopo la quarta serata del Festival di Sanremo 2022, il nostro Renzo Di Falco dice la sua con le sue particolari pagelle: i Top e Flop del Festival. Ecco chi è andato bene e chi no:

TOP

MARIA CHIARA GIANNETTA
Fresca, conquista il pubblico in tre minuti, cosa che a Ornella Muti e Lorena Cesarini non è riuscita in tre ore. Brava anche nel monologo, sentito e sincero. Finalmente.

GIANNI MORANDI E JOVANOTTI
Non è una esibizione: è energia, show puro. Insieme sul palco sono pazzeschi, e incrociare i loro repertori si è rivelata un’idea vincente.

AMADEUS
Per chi non ci credeva, dimostra di riuscire a reggere il Festival con padronanza e un buon ritmo anche senza Fiorello. Merita un Sanremo Quater.

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA
Spaziale. La cover più elaborata e sperimentale, una perfomance
costruita benissimo che conferma come i ragazzi sarebbero perfetti all’Eurovision.

NOEMI
Bella prova, interpretazione potente della canzone manifestao di Aretha Franklin che solo una con la voce di Noemi poteva affrontare con sicurezza e gran classe.

MAHMOOD E BLANCO
Rifanno una canzone che ha avuto decine di cover, alcune anche famose, con una delicatezza e una intensità particolari. Ottimo arrangiamento e bell’impasto di voci. Una conferma.

FLOP

LA CANOTTIERA DI GIOVANNI TRUPPI
Puoi essere bravissimo e/o freak quanto ti pare ma un minimo di
stile sul palco dell’Ariston ci vuole. Giovanni magari inTruppi uno stylist per la finale.

MICHELE BRAVI
Fare Battisti è sempre rischioso. La versione di Michele Bravi è troppo teatrale, appesantisce e lui non sembra a fuoco. Incerto
anche nella vocalità. Peccato.

RETTORE E DITONELLAPIAGA
Tanto forti nel loro inedito, quanto inefficaci in questa cover di “Nessuno mi puo’ giudicare” che è davvero troppo aderente all’originale della Caselli. Non hanno lasciato il segno.

ANAMENA E ROCCO HUNT
Un medley di successi italiani che non ha né capo né coda e sembra piuttosto la festa di un matrimonio di paese. Anche no.

TANANAI
Deve avere pensato: “Mi vesto da Damiano dei Maneskin, ammicchiamo come Achille Lauro e Boss Doms e rifacciamo una canzone della Carrà che ha sempre il suo perché”. Il perché però secondo noi non c’è.

QUI TUTTE LE NOTIZIE SUL FESTIVAL DI SANREMO
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La felicità è una cosa seria (di G. Gambino)
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Opinioni / Perché la sinistra ha dimenticato la lezione di Berlinguer (di G. Cuperlo)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La felicità è una cosa seria (di G. Gambino)
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Opinioni / Perché la sinistra ha dimenticato la lezione di Berlinguer (di G. Cuperlo)
Opinioni / Berlinguer e il seme dell’austerità rivoluzionaria che il Pd dovrebbe coltivare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché