Covid ultime 24h
casi +20.884
deceduti +347
tamponi +358.884
terapie intensive +84

Torniamo a parlare di Roma. E facciamo le primarie (di Monica Cirinnà)

Di Monica Cirinnà
Pubblicato il 21 Gen. 2021 alle 19:08
48
Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

Passati, più o meno, i giorni caldi della crisi di governo, si torna a parlare delle elezioni di Roma. Non si parla, però, di Roma. L’ho detto tante volte e ne sono ancora convinta: a Roma serve un’alleanza larga che parta dalla sinistra, dai movimenti civici, dai quartieri, dalle periferie e arrivi, certo, anche all’area liberaldemocratica. E servono le primarie, per prima cosa.

Quell’area si costruisce con un percorso vero, fatto di dialogo con le persone, di incontri nei territori, di conoscenza profonda delle bellezze, ormai appannate, e dei tanti mali di questa città martoriata.

Le primarie sono parte ed epilogo di quel percorso. Non un modo per sfuggire alla responsabilità nella scelta del candidato o della candidata, ma un modo per condividere quella responsabilità creando comunità, parlando di progetti, di punti programmatici, di futuro. Ed è per costruire quel percorso insieme che mi sono messa a disposizione candidandomi alle primarie.

La “fusione a freddo”, fatta tutta nelle segreterie e nei palazzi, non può funzionare perché non darà a Roma le risposte di cui è letteralmente affamata. Una scelta verticistica ci allontanerebbe dalle persone invece che avvicinarci alle loro ansie, paure, solitudini.

Forse si è legato il dibattito su Roma alla situazione generale del Paese: a mio parere è un errore. La Capitale ha bisogno di un confronto vero, che si occupi dei suoi problemi quotidiani e strutturali, di ascolto e percorsi condivisi. Noi non lo stiamo facendo.

Non stiamo parlando con i territori, non ci stiamo confrontando con le romane e i romani, con i comitati che, dal basso, ogni giorno lavorano nei municipi. Parliamo del candidato sindaco e ci scordiamo che è di una squadra che dobbiamo parlare.

Non si voterà solo per scegliere l’uomo o la donna che guiderà la giunta. Voteremo per scegliere i consiglieri e le consigliere capitoline e voteremo per eleggere 15 presidenti di municipi che avranno altrettante giunte e altrettanti consigli. Questo richiede una visione e un percorso partecipato.

Perdiamo tempo per via di una situazione fluida a livello nazionale che ci distrae dai temi della città. E perdiamo tempo usando la drammatica situazione della pandemia come alibi per mettere in discussione le primarie.

Siamo nel 2021, parliamo di digitalizzazione, smart working, didattica a distanza: possiamo benissimo immaginare sistemi di partecipazione democratica che non comportino esclusivamente la presenza fisica per esprimere un voto. Anche questa è visione: immaginare nuove forme di cittadinanza digitale. E spetta all’area progressista fare questo.

È anche così che Biden ha vinto contro il populismo reazionario di Trump: portando la democrazia nelle case degli americani. Ma soprattutto, riportiamo il dibattito su Roma tra noi romani. Siamo quasi al momento delle elezioni, ma Roma non c’è.

Leggi anche: 1. Retroscena: Comunali Roma, fonti Pd a TPI: “Col rimpasto di Governo il nostro candidato può essere un ministro” / 2. Per una nuova Repubblica Romana (di Federico Lobuono) / 3. Un’alleanza per Roma: primarie, idee, nuova classe dirigente (di Tobia Zevi) / 4. Pensieri per Roma e il suo futuro (di Monica Cirinnà)

TUTTE LE NOTIZIE SULLE ELEZIONI COMUNALI DI ROMA

48
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.