Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Torniamo a parlare di Roma. E facciamo le primarie (di Monica Cirinnà)

Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

Passati, più o meno, i giorni caldi della crisi di governo, si torna a parlare delle elezioni di Roma. Non si parla, però, di Roma. L’ho detto tante volte e ne sono ancora convinta: a Roma serve un’alleanza larga che parta dalla sinistra, dai movimenti civici, dai quartieri, dalle periferie e arrivi, certo, anche all’area liberaldemocratica. E servono le primarie, per prima cosa.

Quell’area si costruisce con un percorso vero, fatto di dialogo con le persone, di incontri nei territori, di conoscenza profonda delle bellezze, ormai appannate, e dei tanti mali di questa città martoriata.

Le primarie sono parte ed epilogo di quel percorso. Non un modo per sfuggire alla responsabilità nella scelta del candidato o della candidata, ma un modo per condividere quella responsabilità creando comunità, parlando di progetti, di punti programmatici, di futuro. Ed è per costruire quel percorso insieme che mi sono messa a disposizione candidandomi alle primarie.

La “fusione a freddo”, fatta tutta nelle segreterie e nei palazzi, non può funzionare perché non darà a Roma le risposte di cui è letteralmente affamata. Una scelta verticistica ci allontanerebbe dalle persone invece che avvicinarci alle loro ansie, paure, solitudini.

Forse si è legato il dibattito su Roma alla situazione generale del Paese: a mio parere è un errore. La Capitale ha bisogno di un confronto vero, che si occupi dei suoi problemi quotidiani e strutturali, di ascolto e percorsi condivisi. Noi non lo stiamo facendo.

Non stiamo parlando con i territori, non ci stiamo confrontando con le romane e i romani, con i comitati che, dal basso, ogni giorno lavorano nei municipi. Parliamo del candidato sindaco e ci scordiamo che è di una squadra che dobbiamo parlare.

Non si voterà solo per scegliere l’uomo o la donna che guiderà la giunta. Voteremo per scegliere i consiglieri e le consigliere capitoline e voteremo per eleggere 15 presidenti di municipi che avranno altrettante giunte e altrettanti consigli. Questo richiede una visione e un percorso partecipato.

Perdiamo tempo per via di una situazione fluida a livello nazionale che ci distrae dai temi della città. E perdiamo tempo usando la drammatica situazione della pandemia come alibi per mettere in discussione le primarie.

Siamo nel 2021, parliamo di digitalizzazione, smart working, didattica a distanza: possiamo benissimo immaginare sistemi di partecipazione democratica che non comportino esclusivamente la presenza fisica per esprimere un voto. Anche questa è visione: immaginare nuove forme di cittadinanza digitale. E spetta all’area progressista fare questo.

È anche così che Biden ha vinto contro il populismo reazionario di Trump: portando la democrazia nelle case degli americani. Ma soprattutto, riportiamo il dibattito su Roma tra noi romani. Siamo quasi al momento delle elezioni, ma Roma non c’è.

Leggi anche: 1. Retroscena: Comunali Roma, fonti Pd a TPI: “Col rimpasto di Governo il nostro candidato può essere un ministro” / 2. Per una nuova Repubblica Romana (di Federico Lobuono) / 3. Un’alleanza per Roma: primarie, idee, nuova classe dirigente (di Tobia Zevi) / 4. Pensieri per Roma e il suo futuro (di Monica Cirinnà)

TUTTE LE NOTIZIE SULLE ELEZIONI COMUNALI DI ROMA
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il paradosso delle privatizzazioni italiane: ispirate dal neoliberismo, realizzate dalla sinistra (di D. De Masi)
Opinioni / Ciao Willy, giustizia è fatta: ora ti ritroveremo in ogni giovane che avrà i tuoi occhi pieni di desideri e speranze (di R. Pegna)
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il paradosso delle privatizzazioni italiane: ispirate dal neoliberismo, realizzate dalla sinistra (di D. De Masi)
Opinioni / Ciao Willy, giustizia è fatta: ora ti ritroveremo in ogni giovane che avrà i tuoi occhi pieni di desideri e speranze (di R. Pegna)
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Opinioni / I 9 giudici che tengono in scacco l’America: così da 250 anni la Corte Suprema è al servizio dell’ultra destra (di A. Stille)
Opinioni / Conte si liberi di Grillo e dia vita a una strada progressista (di M. Tarantino)
Opinioni / Medioevo americano: se a mettere in discussione i diritti delle donne sono gli uomini (di G. Gambino)
Opinioni / Lettera a tutte le comunità albanesi in Italia e in Europa (di A. Likmeta)
Opinioni / “Io, bollata come filo-putiniana da un parlamentare del Pd. La mia colpa? Aver fatto solamente il mio lavoro” (di V. Petrini)
Opinioni / “Si vince restando in piedi mentre gli altri cadono”: Tommasi ha fatto suo il teorema di Steven Bradbury (di L. Telese)
Opinioni / In ricordo di Gianluca Gasbarri: il fotografo che sapeva cogliere l’attimo attraverso il suo obiettivo