Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Renzi e Salvini tramano per fare cadere il governo? C’è chi conta i morti e chi conta i voti

Immagine di copertina

Non è mai stato di moda coltivare dubbi. La classe politica negli ultimi anni si è sfidata a suon di certezze sbattute in faccia all’avversario e rivendute come dogmi ai propri elettori. La pandemia ha acuito la dinamica e così si è passati ai tifosi dell’aprite tutto e ai tifosi del chiudete tutto come se in mezzo non esistesse un’infinita scala di sfumature, come se la sensazione del Covid-19 sia la stessa nel lodigiano dove quasi tutti hanno dovuto fare i conti con qualche famigliare o conoscente deceduto in condizioni drammatiche, rispetto alla Calabria o alla Sardegna dove il Coronavirus è qualcosa che si legge sui giornali e si ascolta in televisione ma che non si ritrova nei rapporti quotidiani.

Estremizzare la lotta è il modo scelto da alcuni leader per essere riconoscibili nell’affollatissimo dibattito pubblico, come se l’urgenza sia quella di spuntare nelle inquadrature facendo ciao ciao con la manina. E così accade che si intossichi la narrazione con minime vicende personali che vengono rivendute come paradigma: il runner sorpreso dalle forze dell’ordine viene sventolato per dipingere un popolo intero tutto di furbi, il multato ingiustamente dovrebbe bastare per dichiarare lo Stato di Polizia e si arriva perfino a contrapporre i morti di virus ai quasi morti di fame per crisi di lavoro come se fossero nemici che sopravvivono solo mangiandosi l’un l’altro.

Siamo tutti con gli occhi sbarrati intenti a scovare tutti i piccoli egoismi, pronti a indicare chi per tornaconto personale viola le regole mettendo a rischio gli altri e intanto ci stiamo perdendo il gioco grande che si gioca a carte coperte: scrive Repubblica che Renzi e Salvini stiano portando avanti due piani per fare cadere il governo. I due Matteo ancora una volta per motivi diversi si trovano d’accordo nel fine ultimo e le manovre sarebbero in corso da qualche settimana. Che differenza c’è tra chi viola le regole per uscire a fare una passeggiata e chi briga per fare cadere il governo? Entrambi inseguono i propri interessi solo che i secondi contagiano un Paese intero e fiaccano un’azione che in questo momento avrebbe bisogno di risposte e di proposte piuttosto che di personalistiche guerre intestine. Una volta si sarebbe chiamata responsabilità istituzionale quel dovere civico di chi si ritrova a rappresentare un Paese. Oggi siamo alle pruriginose soddisfazioni personali di chi mira alla propria sopravvivenza elettorale usando le macerie del contesto generale. C’è chi conta i morti e c’è chi conta i voti: la differenza balza agli occhi.

Leggi anche:

1. La Fase 2 val bene una messa; 2. Quel file del Ministero sul Covid tenuto segreto per non scatenare il panico: cittadini trattati come una mandria;

Ti potrebbe interessare
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Cronaca / Altro che giovani sfaticati: il caso di Grafica Veneta dimostra che certi imprenditori cercano solo schiavi (di G. Cavalli)
Opinioni / Il tabù del potere e Draghi l’intoccabile: ci si indigna per chi lo critica ma si tace sui suoi errori politici (di L. Telese)
Ti potrebbe interessare
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Cronaca / Altro che giovani sfaticati: il caso di Grafica Veneta dimostra che certi imprenditori cercano solo schiavi (di G. Cavalli)
Opinioni / Il tabù del potere e Draghi l’intoccabile: ci si indigna per chi lo critica ma si tace sui suoi errori politici (di L. Telese)
Opinioni / Morti suicidi il giorno della laurea: se l’Università insegna a competere e non ad essere felici
Opinioni / Sesso e pandemia: per scrivere un immaginario di relazioni meno divisivo ricominciamo a fare l’amore
Cronaca / Formentera, l'isola che se ne frega del Covid: "Altro che Green pass, qui assembramenti e zero controlli"
Opinioni / Le Olimpiadi in tempo di guerra al Covid
Opinioni / Assessore armato contro uomo disarmato: indovinate chi ha torto per la Lega (di G. Cavalli)
Opinioni / Non sono tutti no vax. Il Green pass ne tenga conto
Opinioni / Ddl Zan, si va verso il rinvio a settembre: ora il Pd deve decidere che fare (di M. Antonellis)