Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Il paradosso della crisi di governo: la maggioranza non cambia nonostante le dimissioni delle due ministre. Ecco perché

Immagine di copertina

C’è un dettaglio molto importante, almeno dal punto di vista formale, che in queste ore sembra non ricordare nessuno, nel dibattito che segue il ritiro della delegazione di Italia Viva. Le dimissioni delle due ministre renziane non cambiano nulla, simbolicamente e sostanzialmente, per il governo.

La composizione dell’esecutivo, infatti, non è mutata dopo queste dimissioni. L’alchimia della maggioranza è stata alterata con la scissione di Matteo Renzi: non prima e non dopo. Il governo giallorosso – infatti – in origine nasce costituito da tre partiti (Pd, M5s, Leu) e diventa di quattro solo dopo l’assegnazione delle poltrone di governo.

Fu solo allora che le due ministre – anche questo lo ricordano pochi – dopo essere entrate nell’esecutivo con la maglia del Pd, e dopo aver ottenuto le poltrone in virtù di questa appartenenza, ne uscirono (con qualche disinvoltura) avendo indosso la maglia di Italia Viva.

Ha ragione Renzi almeno su un punto: in democrazia le forme sono la sostanza. E la sostanza è che Italia Viva è nata come un fungo, DOPO l’esecutivo Conte, con il cambio di casacca della Bellanova e della Bonetti, come la scissione di una corrente del Pd.

Le uniche trasformiste di questa crisi per ora sono le due ministre dimissionarie: trasformiste quando fondano un partito solo 24 ore dopo aver ottenuto un incarico con un altro, trasformiste quando se ne vanno rispondendo al loro capo corrente, e non al loro segretario.

Tuttavia il governo, proprio in virtù di questa genesi, non perde legittimità, casomai la recupera. Ci possono essere problemi di ordine politico, non di ordine costituzionale dopo questo addio. Quindi Italia Viva andandosene non modifica l’alchimia originaria, casomai la ristabilisce, e Conte verificherà in Parlamento, come accade per tutti, se ha ancora la sua maggioranza. L’unico problema formale è che il Pd deve rimpiazzare due ministre. Quelle di cui era stato defraudato. Punto.

Leggi anche: Il piano di Renzi ora si complica: vince solo se salta Conte (di L. Telese) /2. Gli italiani non hanno idea del perché si sia aperta una crisi di governo / 3. Ieri Scilipoti, oggi Mastella: la lunga storia dei “responsabili” /4. Le reazioni, Zingaretti: “Da Iv errore gravissimo contro l’Italia”. Centrodestra: “Conte si dimetta”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Abbiamo fatto l’Europa, ora facciamo gli europei (di G. Gambino)
Opinioni / Comunque vadano le elezioni, una cosa è certa: oggi l’Europa politicamente non esiste
Cronaca / Non c’è Pace Senza Giustizia celebra i primi 30 anni festeggiando le conquiste e fissando gli obiettivi del futuro
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Abbiamo fatto l’Europa, ora facciamo gli europei (di G. Gambino)
Opinioni / Comunque vadano le elezioni, una cosa è certa: oggi l’Europa politicamente non esiste
Cronaca / Non c’è Pace Senza Giustizia celebra i primi 30 anni festeggiando le conquiste e fissando gli obiettivi del futuro
Cronaca / Il dramma nascosto dietro la storia della madre accusata di aver ucciso il suo neonato su una nave da crociera
Opinioni / “Vota Giorgia”, ovvero come i politici hanno perso il cognome
Cronaca / Alessia Pifferi è davvero l’unica colpevole della morte della figlia? (di F. Bubba)
Opinioni / Metterci a dieta è la miglior cosa che possiamo fare per noi e per l’ambiente
Opinioni / Quegli animali imprigionati nelle fabbriche della morte
Esteri / La mucca cinese di Xi Jinping attira consensi in Europa
Opinioni / Caro Marco Tarquinio, ci vorrebbe più rispetto per i valori fondamentali del PD