Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il tocco magico dei coniugi Zingaretti

Immagine di copertina
Credit: TPI

La mora grintosa, burrosa, con la tipica “cazzimma” partenopea, e il macho (in fondo) tenero ma testosteronico, a Denominazione di Origine Controllata. Nella vita sono una coppia. Sul set, pur separati, fanno sfracelli. Come risollevano gli ascolti loro, manco Giucas Casella quando camminava sui carboni ardenti ai tempi della Rai1 baudiana.

Sono gli Zingaretti: per la precisione Luca e signora, Luisa Ranieri. Lui passato alla storia del piccolo schermo per aver dato corpo ai gialli siculi de “Il Commissario Montalbano”, serie tratta dai libri di Camilleri. Lei appena approdata sulla prima rete con “Le indagini di Lolita Lobosco”.

Neanche il tempo di toccare i tabulati Auditel ed ecco che Luisa nostra piazza al debutto un miracolistico (per questi tempi) 31,8% di share con 7.535.000 spettatori. Lasciando al palo la povera Barbara D’Urso, che con il suo Live domenicale racimola appena un 12,2% con 2.022.000 spettatori.

Fosse stata una gara di lotta nel fango stile B-Movie americano, fra le due non ci sarebbe stata gara. Però che i ragionieri dei palinsesti ci ragionino su, perché sono certo che un format così sbancherebbe.

Il buon Luca l’8 marzo prossimo su Rai1 vestirà per l’ultima volta (con un episodio inedito) i panni di Salvo Montalbano. Il titolo che chiude per sempre la serie è “Il metodo Catalanotti”. Vale la pena sottolineare la parola inedito perché la fiction camilleriana è – da sempre – il salvagente della prima rete. Più replicata delle frasi fatte di Matteo Salvini, ma anche decisamente più fortunata.

Il metodo, da lustri, è sistematico quanto impressionante: ogni anno sin qui venivano mandati in onda due o tre nuovi episodi, con ascolti da Prima Repubblica (mediamente dal 39 al 45% di share, dai 9-10 agli 11-12 milioni circa di spettatori), seguiti dalla rimessa in onda di quasi tutte le repliche, che anche dopo un numero incalcolabile di passaggi non si schiodavano mai dal 30% circa, polverizzando spesso i prodotti della concorrenza.

In pratica, mezza Italia conosce meglio i copioni di Montalbano del Padre Nostro. E, quanto ad attaccamento al personaggio, il paragone non è così ardito.

Romano, 59 anni, Luca Zingaretti è stato per la tv anche Perlasca, Paolo Borsellino e Adriano Olivetti, sempre con buoni risultati. Ma quando si trasforma in Montalbano il suo potere diventa taumaturgico. È il Power Ranger degli ascolti di Viale Mazzini.

Non c’è Milly Carlucci che tenga. Non c’è Amadeus o Carlo Conti che possa scalfirlo. Persino Piero e Alberto Angela pare lo guardano con quel rispetto che si deve a chi fa “i numeroni”.

La moglie di Luca (dal 2012) si chiama Luisa Ranieri, ha 47 anni ed è napoletana. Insieme hanno due figli: Emma e Bianca.

Capace di spaziare dal drammatico alla commedia, la nostra, nata a teatro e con un debutto al cinema nel 2001 con Pieraccioni ne “Il principe e il pirata”, sembra aver trovato una strada nel nuovo poliziottesco ruspante ma discretamente curato.

Per farsene un’idea consiglio di vedere il suo ultimo film: “Vita segreta di Maria Capasso”. Che la vita trasforma in una spietata arrampicatrice sociale capace di uccidere. Ora, visto che la divisa in tv paga sempre, eccola seguire le orme del marito ne “Le indagini di Lolita Lobosco”, dove interpreta il vicequestore del Commissariato di Polizia di Bari. Marco Giallini con “Rocco Schiavone”, del resto, si era spinto sino ad Aosta.

Gli Zingaretti fanno miracoli, insomma. Reclutando orde di seguaci e spingendo in vetta gli ascolti. Purché siano coniugi, però. Perché se di cognome fai Zingaretti ma sei il fratello di Luca, Nicola, segretario del Pd, il partito non lo risollevi manco con l’argano e gli iscritti si addormentano sulla poltrona. Guarda il destino, a volte.

Leggi anche: L’inspiegabile scelta di Barbara Palombelli co-conduttrice al Festival di Sanremo 2021 (di F. Bagnasco)

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo il disastro Lombardia col Covid, Fontana parla ancora di velocità lombarda
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo il disastro Lombardia col Covid, Fontana parla ancora di velocità lombarda
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Opinioni / I Giochi di Tokyo 2020 hanno segnato il trionfo definitivo del sexy sport (di C. Sabelli Fioretti)
Opinioni / Grazie Simone Biles per essere “crollata”: ci hai insegnato cos’è la vera forza
Opinioni / L'ultima sparata di Pillon: sopravvivere attaccati a un macchinario è "naturale" (di G. Cavalli)
Opinioni / Il piano Covid non c’è, le assunzioni neanche, rebus trasporti: il Governo dei Migliori si è dimenticato della scuola
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Cronaca / Altro che giovani sfaticati: il caso di Grafica Veneta dimostra che certi imprenditori cercano solo schiavi (di G. Cavalli)