Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Indiscreto, Salvini pensa a Cassese per accontentare Draghi nel prossimo settennato

Immagine di copertina

Il centrodestra ha deciso di proporre la disponibilità a votare un nome di alto valore istituzionale. Per consentire ai grandi elettori di tutti i gruppi di superare veti e contrapposizioni – e convergere per dare all’Italia un nuovo Presidente della Repubblica – la coalizione ha deciso di dichiarare il proprio voto di astensione nel voto odierno.

Il centrodestra è pronto a chiedere di procedere domani con la doppia votazione. Già, ma tutto questo tradotto cosa significa? Cosa vuole veramente il centro-destra o meglio, cosa vuole veramente Matteo Salvini visto che sta facendo di tutto per essere protagonista a scapito dei suoi alleati di coalizione? “Salvini”, spiegano fonti di primo piano della Lega ” in questa fase sta pensando a Sabino Cassese. Ieri non c’è stato nessun incontro in realtà, ma c’è stata una lunga e cordiale telefonata con il giurista”. Il punto però è un altro: Matteo Salvini, vista anche l’età dello studioso (86) spera che possa restare in carica giusto il tempo per portare a conclusione la legislatura in modo da passare successivamente il testimone a Mario Draghi. Si tratta dello schema che qualcuno avrebbe voluto mettere a punto per Sergio Mattarella (rifiutato però dal capo dello stato uscente). Salvini in questo modo spera così di riuscire ad accontentare anche l’ex presidente BCE, sempre più amareggiato per come si stanno mettendo le cose. Insomma, lo schema di gioco al quale sta lavorando Matteo Salvini è Cassese come presidente istituzionale di transizione in attesa di poter spostare Draghi al Quirinale. Che, nel frattempo, continuerebbe a servire il paese da palazzo Chigi.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Opinioni / Perché la sinistra ha dimenticato la lezione di Berlinguer (di G. Cuperlo)
Opinioni / Berlinguer e il seme dell’austerità rivoluzionaria che il Pd dovrebbe coltivare
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Opinioni / Perché la sinistra ha dimenticato la lezione di Berlinguer (di G. Cuperlo)
Opinioni / Berlinguer e il seme dell’austerità rivoluzionaria che il Pd dovrebbe coltivare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)