Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

L’abitudine al male e la feroce indifferenza di chi non ha fermato l’omicidio di Alika

Immagine di copertina

Ci sono due domande che continuano a girarmi in testa da ieri: se Alika Ogorchukwu fosse stato italiano, bianco, qualche voce in più sulla sua morte si sarebbe alzata?

E poi, io, ieri, di fronte a questa scena di efferata violenza, cosa avrei fatto? Così per prima cosa ho pensato a chi riprendeva col cellulare, faceva video e restava in silenzio. Poi mi sono ricordata un episodio, di alcuni anni fa, in cui dei ragazzotti di circa 20 anni, durante un Capodanno romano, infastidivano alcuni ambulanti nel mentre di un concerto al Circo Massimo. Questi ragazzi si divertivano a buttar loro addosso dei petardi, li accendevano e glieli tiravano. E a poco a poco diventavano sempre più arroganti e violenti e il gioco pericoloso. Ma nessuno diceva niente, perché di indifferenza non si muore (credono alcuni).

E invece io, dall’alto dei miei 25 anni, che potevano pure essere 15, iniziai a urlare, a scagliarmi contro di loro, lasciandomi alle spalle l’allora fidanzatino inerte (cosa che mi portò in seguito a rivalutare la relazione e la persona).

Senza divagare e svilire il fatto di cronaca, il succo è: no, non avrei mai fatto un video dell’accaduto restando in silenzio e ferma. Nemmeno se avessi valutato l’utilità di quel video per la polizia. E non perché sia brava o coraggiosa, ma perché nell’orizzonte della realtà il pensiero di vedere una persona che ne ammazza di botte un’altra, in pieno centro, in un pomeriggio di luglio, mi vieta categoricamente di restare spettatrice.

Pian piano nella testa iniziano a impilarsi le immagini di tutti i video che ho visto in rete e che hanno raccontato le stesse dinamiche. Mi domando allora perché su – ipotizziamo – 5 video della stessa scena da diverse angolature, non vi sia almeno una irruzione di qualcuno che frena quell’escalation di violenza. Forse perché di Willy Monteiro Duarte (giovane italiano di origine capoverdiana, vittima di omicidio e medaglia d’oro al valore civile alla memoria) ne esistono sempre meno. E perché Willy, per fare ciò che ha fatto, ha pagato con la vita.

Ma l’indifferenza, la vigliaccheria, la meschinità di restare nell’ombra con un telefono a riprendere non raccontano molto di più di ciò che siamo diventati? Di quanto abbiamo paura dell’altro? Alika Ogorchukwu è stato ammazzato con la stampella che gli reggeva i passi in seguito a un incidente d’auto, così ha dichiarato il suo avvocato. L’aggressore, che è già in stato di fermo, ha dichiarato invece che Ogorchukwu aveva importunato la fidanzata. Quello che resta sono quei minuti, lunghissimi, in cui l’aggressore lo finisce di botte. L’omicida non è nemmeno animato da una rabbia cieca, più da una violenza apparentemente legittima, da una ferocia serafica, da una spietatezza sterile. Qualcuno commenta, qualcuno filma col cellulare. Nessuno interviene. Avranno avuto tutti la pancia piena e gli occhi abituati a questo genere di immagini.

“Forse il futuro prossimo porterà catastrofi inimmaginabili. Ma ciò che di sicuro minaccia il mondo non è tanto la violenza di moltitudini fameliche quanto la sazietà di masse annoiate”, scriveva Nicolás Gómez Dávila. E questo è ciò che spaventa di più. L’abitudine al male.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / O Draghi o morte: il Pd ha deciso di suicidarsi in nome di una figura che non c’entra nulla con la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / Caro Letta, la sinistra non si fa con la destra (di R. Bertoni)
Opinioni / Ecco perché ai giovani lasceremo in eredità un mondo migliore (di D. De Masi)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / O Draghi o morte: il Pd ha deciso di suicidarsi in nome di una figura che non c’entra nulla con la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / Caro Letta, la sinistra non si fa con la destra (di R. Bertoni)
Opinioni / Ecco perché ai giovani lasceremo in eredità un mondo migliore (di D. De Masi)
Opinioni / Una nuova visione del mondo: per salvare il Pianeta dobbiamo cambiare il modello sociale ed economico (di G. Gambino)
Opinioni / Non le basta vincere: Meloni vuole pure i pieni poteri per cambiare la Costituzione (di M. Ainis)
Opinioni / Lavoro e Ambiente: ecco il nostro programma elettorale (di N. Fratoianni)
Opinioni / Al voto sarà o noi o Meloni. Ma il dialogo col M5S deve continuare (di F. Boccia)
Opinioni / Tutti pazzi per Mario Draghi: ma tutti chi? (di V. Petrini)
Opinioni / Anima e masochismo: se il Pd strizza l’occhio a chi ha devastato la sua stessa casa (di G. Gambino)
Opinioni / Cara Concita De Gregorio, essere di sinistra significa annullare le distanze tra Harvard e Massa Lubrense (di A. Ciccozzi)