Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Pd, se ci sei batti un colpo: stare vicino agli “ultimi” dell’Ilva dovrebbe essere la tua battaglia naturale

8mila lavoratori dell'Ilva, abbandonati a se stessi nel limbo di un futuro incerto, sono stretti tra la morsa di una multinazionale che persegue interessi privati e un governo che sta fermo in finestra a guardare

 

Altro che alibi sullo scudo penale, ArcelorMittal vuole lasciare l’Ilva a prescindere. Scudo o non scudo. Mettetevelo in testa. E, infatti, stanno smontando pezzo dopo pezzo in fretta e furia lo stabilimento di cui sono affittuari. Portandosi via asset strategici importantissimi per l’azienda. “La razzia degli indiani”, l’abbiamo chiamata in apertura ieri su TPI. La razzia perché questi indiani vengono, fanno il loro comodo e se ne vanno lasciando tutto peggio di come era prima. Ovviamente hanno torto, poiché non hanno rispettato gli accordi di sviluppo industriale e ambientale promessi con cui si erano aggiudicati la gara per l’affitto dell’Ilva un anno fa.

> QUI LE ULTIME NOTIZIE SULL’ILVA E GLI APPROFONDIMENTI DI TPI SUL TEMA

Ma chi gioca così d’azzardo sa che può farlo perché non ha una controparte credibile, e in ogni caso molto debole. Parliamo naturalmente del governo italiano, quello di oggi come quello di ieri. Sfiducia percepita anche dai circa 8mila lavoratori dell’Ilva, abbandonati a se stessi nel limbo di un futuro incerto, stretti tra la morsa di una multinazionale che persegue interessi privati e un governo che sta fermo in finestra a guardare. E che oggi poco o nulla può fare. Rimettere lo scudo penale serve a poco, Mittal se ne va lo stesso. Certo, non rimuoverlo avrebbe forse evitato questa crisi oggi, ma il punto è che tu, Stato italiano, devi tutelare gli interessi nazionali del più grande stabilimento siderurgico d’Europa (che hai in casa) e non lasciare che a gestirlo sia, totalmente, un’azienda privata con interessi privati in un evidente conflitto di interessi. Non la Lega, non il M5S, ma PD, se ci sei, batti un colpo: stare vicino agli “ultimi” dell’Ilva dovrebbe essere la tua battaglia naturale.

La razzia degli indiani: Mittal voleva solo spolpare l’Ilva per eliminare un concorrente strategico (di L. Telese)
Chi se ne frega del coraggio e della umiltà di Conte, chi ammette di non avere soluzioni mortifica la politica (di G. Gambino)
Ex Ilva, la procura di Milano apre un’indagine. I commissari depositano il ricorso contro il recesso di ArcelorMittal
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Lettera a TPI. Il consumismo ci sta uccidendo: molte persone lo hanno capito, la politica ancora no
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Opinioni / Meloni vince in un’Italia pietrificata in sé stessa
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Lettera a TPI. Il consumismo ci sta uccidendo: molte persone lo hanno capito, la politica ancora no
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Opinioni / Meloni vince in un’Italia pietrificata in sé stessa
Esteri / Vola la destra: l’Europa è finita?
Opinioni / No, Toti non ha agito nell’interesse dei cittadini liguri (e lo sapevamo anche prima dell’inchiesta)
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Opinioni / Lettera a TPI – Il Pd e la necessità di definirsi anticapitalisti
Opinioni / Il ministro di una Difesa (per una volta) ragionevole – di R. Parodi
Opinioni / Abbiamo fatto l’Europa, ora facciamo gli europei (di G. Gambino)
Opinioni / Comunque vadano le elezioni, una cosa è certa: oggi l’Europa politicamente non esiste