Me
HomeOpinioni

Chi se ne frega del coraggio e della umiltà di Conte, chi ammette di non avere soluzioni mortifica la politica (di G. Gambino)

Di Giulio Gambino
Pubblicato il 9 Nov. 2019 alle 16:37 Aggiornato il 12 Nov. 2019 alle 12:45
Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte esce da Palazzo Chigi e va a Taranto. Incontra i lavoratori dell’ex Ilva. Parla con loro. Scende in campo. Li affronta, alcuni dei quali a muso duro. Si mette in gioco. Risponde, dibatte, si leva la cravatta, si sbottona la camicia. Smette i panni dell’avvocato cortese e indossa quelli dell’uomo come gli altri che viene dalla Puglia.

E si alza subito un coro: il coraggio di Conte, l’umiltà del premier, il politico che dice le cose come stanno, che non dice bugie, e che ammette di non sapere che fare. “Non ho soluzioni”, ha detto Conte.

È il coro dell’Italia del “tanto siamo destinati a essere scarsi, ad avere politici mediocri e una classe dirigente incompetente che ci riempie di bugie”. Del “viva l‘umiltà”. E allora ecco che il coraggio e la ammissione di incapacità, di impreparazione, di inadeguatezza alle sfide di oggi in un mondo globalizzato vengono premiati.

Ma è davvero questa l’Italia che ci piace, che vogliamo essere, che vogliamo elogiare, e che vogliamo mostrare come modello ai nostri figli?

Nell’epoca in cui il leader solo al comando è temuto e subito dopo accantonato, perché immediatamente tacciato d’abuso di eccessivo potere o, peggio, perché accostato all’incubo del ritorno al fascismo, specie se questo ammicca a riferimenti storici che alimentano una narrativa ideologica del buono e del cattivo, del fascista e dell’antifascista, in questa epoca qui, l’uomo umile al comando, che non sa che fare, che ammette la sua debolezza, di fronte a una folla di operai che non conoscono il proprio destino e quello delle loro famiglie, è automaticamente elevato a esempio da seguire ed emulare.

Questo atteggiamento spaventa in particolar modo perché ridimensiona al ribasso le ambizioni e le aspettative che il popolo deve esigere dalla politica. Giuseppe Conte, e con lui tutta la classe dirigente il cui stipendio viene da noi pagato, cioè con soldi pubblici, non può permettersi di dire che non ha soluzioni e che non sa che fare, anche nel caso in cui quelle parole fossero un tentativo del momento volto a mitigare le proteste e calmare gli animi delle parti in causa.

Tu, premier, devi avere una soluzione. Anzi, per la verità, devi prevenire una crisi – quale che sia – anziché subirla e trovarti travolto da essa. Devi darmi una risposta ufficiale e formale, devi dirmi cosa sta accadendo, e cosa faremo. Sei la mia guida, non un passante che svolge per me una consulenza qualunque.

Non solo: il caso dell’ex Ilva dimostra la profonda incapacità di previsione da parte del governo giallorosso. Ma come, sai che uno dei dossier più caldi ti può esplodere tra le mani e non ti prepari, ti fai sorprendere così? A dimostrazione che questo governo allo sbaraglio, nato sulla base di un patto frutto di un trasformismo politico accelerato e di convenienza, non ha una linea politica, non ha visione, non ha strategia. Non ha una contro narrativa da opporre a quella del centrodestra. Tira a campare.

Il coraggio di andare a Taranto è encomiabile, ma è il minimo che ci si possa aspettare da chi è in politica per mestiere. Siamo tutti molto colpiti dal coraggio umano con cui Conte ieri sera è sceso in piazza. Il coraggio, l’atto politico, dire le cose come stanno. L’umiltà. Prendersi i fischi e affrontare i lavoratori che rischiano di perdere il lavoro. Ma abbassate i calici, Conte ha fatto solo il minimo del suo dovere politico. E non ha una soluzione. Che è molto grave.

Ex Ilva, Landini a TPI: “Lo Stato entri come azionista, l’Italia non può perdere l’acciaio”

Italia usa e getta: Taranto è la metafora perfetta del Meridione depredato dalle multinazionali (di Luca Telese)

“Sono all’ex Ilva da 18 anni, Arcelor Mittal ha distrutto ogni speranza di futuro”: un lavoratore a TPI