Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il paradosso del green pass: per andare a cena obbligatorio, per i lavoratori non è neanche previsto

Immagine di copertina

Per scongiurare i contagi il governo è pronto a comprimere le scelte dei singoli: la volontà politica è quella di rendere il green pass obbligatorio per i luoghi chiusi e affollati come i ristoranti. Giusto. Ma il principio non sembra valere per tutte le categorie allo stesso modo. 

Nella bozza del nuovo decreto sarebbero infatti previste anche multe di 400 euro per i clienti dei locali trovati al tavolo sprovvisti di certificazione verde e cinque giorni di chiusura per i gestori. A spingere per le misure sono soprattutto Pd e Leu, con il ministro Roberto Speranza convinto che si debba fare di più contro il diffondersi della variante Delta che colpisce duro anche nei Paesi con alto tasso di vaccinazioni (Israele e Regno Unito dove si vede anche un aumento di casi gravi soprattutto tra i non vaccinati).

In pratica, il senso del green pass è di evitare di richiudere bar, ristoranti, piscine, palestre, stadi, cinema, teatri condizionandone l’accesso solo ai vaccinati (con doppia dose), ai “tamponati” e ai guariti dal Covid (quest’ultima categoria solo sulla carta, perché come abbiamo spiegato in questo approfondimento, i guariti dal Covid faticano ad ottenere la matricola per il green pass). Inoltre occorrerà presentare il certificato per salire su treni, aerei e navi, per accedere ai centri commerciali e ovviamente per entrare in discoteca se riapriranno.

Ma se l’obiettivo del green pass è proteggere i cittadini nei luoghi di assembramento, allora perché per i lavoratori non c’è la stessa priorità? Perché non è richiesto alcun certificato per andare in fabbrica o per lavorare in una grande azienda? E non ci si può attaccare all’incostituzionalità, o gridare all’allarme discriminazioni tra chi avrà fatto o no il vaccino. Proprio oggi su Il Giornale due costituzionalisti di tutto rispetto – Giovanni Maria Flick e Sabino Cassese – hanno spiegato come rendere il green pass obbligatorio per entrare nei locali o per prendere i mezzi di trasporto non limiterebbe alcuna libertà, perché le esigenze di un paese vengono prima delle scelte dei singoli.

Secondo Cassese, i principi costituzionali addirittura non impedirebbero neanche la scelta più radicale, ovvero l’imposizione dell’obbligo del vaccino a tutti gli italiani: “L’articolo 32 dice che nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario se non per disposizioni di legge”, ha spiegato. Ciò dimostra che la previsione per legge di un trattamento obbligatorio è contemplata dal nostro ordinamento, come avvenuto dal 2017 per le vaccinazioni obbligatorie per i minori di sedici anni.

Per come stanno ora le cose il messaggio sembra essere: per andare a cena fuori è meglio vaccinarsi, per andare a guadagnarsi lo stipendio è ininfluente. La verità è che questo pass è più rosso che verde, perché pensa più all’economia che alla vera tutela delle persone.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1