Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh

Immagine di copertina
Photo: Ilia Yefimovich/dpa

Questa foto la devono vedere tutti: Shireen Abu Akleh aveva 51 anni ed è stata uccisa mentre documentava unoperazione delle forze armate israeliane nella città palestinese di Jenin. Il giubbotto anti-proiettile con la scritta Press” (Stampa) non lha protetta, lha resa un bersaglio. Come il collega di al-Jazeera, Ali al-Samoudi, ferito subito prima da un colpo alla schiena ma sopravvissuto agli spari dei militari israeliani, il che fa tramontare lipotesi di un proiettile vagante.

Abu Akleh era un volto familiare per i telespettatori del mondo arabo, a cui negli ultimi 25 anni ha raccontato loccupazione dei territori palestinesi ad opera di uno Stato che, nella quasi totale indifferenza della nostra parte di mondo, continua a violare le risoluzioni internazionali e i diritti dei propri vicini.

Allomicidio, compiuto «a sangue freddo» secondo lemittente al-Jazeera, le forze di sicurezza israeliane hanno aggiunto lo sfregio dellirruzione nellabitazione della vittima e lordine a familiari e conoscenti in lutto di non favorire assembramenti, con il proposito di evitare proteste e disordini e di aggiungere al silenzio dei morti quello dei vivi. Un obiettivo finora mancato vista lindignazione internazionale e le richieste di «indagini approfondite» arrivate persino dalla Casa Bianca, che non ha potuto ignorare il fatto che la giornalista avesse passaporto americano. Sebbene linchiesta sia appena allinizio, la storia non ci permette di essere ottimisti. Non solo perché le dichiarazioni indignate per lomicidio arrivano da Paesi, Italia compresa, che non hanno mosso un dito per imporre a Israele il rispetto dei diritti dei palestinesi, ma soprattutto perché in circostanze simili non hanno saputo ottenere giustizia dalle autorità israeliane.

Un caso su tutti: luccisione di Raffaele Ciriello, freddato ventanni fa da cinque proiettili sparati da una vedetta di un carro armato israeliano che il fotoreporter lucano stava filmando con una telecamera grande quanto un pacchetto di sigarette. Ufficialmente Ciriello è morto per un errore, scambiato per un palestinese che brandiva un lanciarazzi. Una verità” accettata obtorto collo anche dalla magistratura italiana, dopo il rigetto della richiesta di rogatoria internazionale da parte del governo di Tel Aviv nonostante il trattato di collaborazione giudiziaria stipulato con lItalia. Così il responsabile non sarà mai identificato né pagherà per lomicidio del giornalista, nel silenzio assordante della politica.

Anche Abu Akleh, proprio come il suo popolo, rischia di restare vittima della gerarchia dei carnefici che, per ragioni di interesse, impedisce alla comunità internazionale di condannare con la stessa forza i medesimi crimini a seconda se questi siano compiuti da Paesi alleati o nemici. Come se violare la sovranità di unaltra nazione, attuare politiche di apartheid contro un intero popolo o sparare ai giornalisti fosse questione di punti di vista.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Noi giovani e la politica, tra apatia e grandi battaglie (di G. Brizio)
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Opinioni / Le Europee saranno le prime elezioni a ridefinire il ruolo dell’Ue nel mondo (di S. Mentana)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Noi giovani e la politica, tra apatia e grandi battaglie (di G. Brizio)
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Opinioni / Le Europee saranno le prime elezioni a ridefinire il ruolo dell’Ue nel mondo (di S. Mentana)
Opinioni / Campo rotto: salvate i soldati Conte & Schlein
Esteri / Erdogan non è imbattibile: ma il futuro del leader turco e dell’Akp è ancora tutto da scrivere
Opinioni / L'Europa corre ciecamente verso la guerra (di R. Parodi)
Opinioni / La boutade di Macron sull’Ucraina e l’Ue che deve imparare a difendersi da sola (di S. Mentana)
Opinioni / Pd, 5S e Campo Largo: la strada non porta a casa se la tua casa non sai qual è (di G. Gambino)
Opinioni / Lettera di un segretario di circolo Pd: Elly Schlein ha la forza della credibilità
Opinioni / In Abruzzo non c’è nessun effetto Sardegna