Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Salvini e quella foto in posa in Regione Lombardia

Immagine di copertina

La verità è che l’emergenza ha messo a nudo tutta la mediocrità di una certa classe politica, delle caricaturali figure di spicco di un partito e del suo leader. E lo stanno capendo in molti anche nel feudo lombardo. Non basteranno certe messe in scena a convincerli del contrario

Salvini e quella foto in posa in Regione Lombardia

Matteo Salvini che lavora è un ossimoro, non certo da oggi. Il leader della Lega è noto per le sue mangiate alle sagre di paese, per le sue discutibili performance alla console della discoteca all’aperto del Papeete Beach, ma anche per il cronico assenteismo registrato in tutte le sedi istituzionali occupate negli ultimi anni.

La fama di fannullone eccellente gli costò, nel 2018, una menzione nella top20 nella desolante classifica dei peggiori eurodeputati stilata dal prestigioso quotidiano di Bruxelles “Politico”, che lo definì impietosamente “un altro euroscettico che è europeista quando si tratta di ritirare lo stipendio da deputato”. Nel 2019, da Ministro dell’Interno, accumulò appena 17 giornate lavorative piene, ma il suo ufficio comunicazione profumatamente pagato con soldi pubblici pubblicava decine di tweet propagandistici ogni giorno. Da senatore ha accumulato appena il 10% di presenze a Palazzo Madama.

Per nascondere questa forma di allergia a ogni tipo di attività produttiva, i ragazzi della propaganda travestono periodicamente il loro “Capitano” da operoso uomo delle istituzioni, scattandogli delle foto posate simili a quelle che si possono trovare su un catalogo di mobili per ufficio. L’ultima è apparsa ieri e lo riprende negli uffici della Regione Lombardia mentre firma qualcosa indossando l’ormai inseparabile mascherina, oggetto che nella narrazione di queste settimane ha decisamente surclassato rosario e santini d’ordinanza.

Salvini sembra firmare qualcosa utilizzando una penna rossa: basterebbe questo a svelare l’inganno. La sua presenza in quel palazzo è anche ridondante, dato che il senatore non faceva neanche parte del tavolo di lavoro con le parti sociali che si era riunito poche ore prima in quella sede. Laconico il commento di Pietro Bussolati, consigliere regionale in Lombardia e membro della segreteria del Pd: “Ieri è spuntato in regione Lombardia Matteo Salvini, presenza ormai ingombrante per la giunta Fontana”.

Proviamo per un attimo a immaginare la genesi dello scatto:

Capitano, mettiti la mascherina e siediti su quella scrivania”;
va bene così?”;
no, è messa al contrario, girala”;
uff… così?”;
benissimo… ora prendi uno di quei fogli e fai finta di scrivere con quella penna lì davanti”;
c’è scritto: ordinativo per n.2 bancali di rotoli carta igienica doppio velo… che faccio firmo?”;
NOO!! devi solo fare finta!”;
ok, ok, non ti arrabbiare…”;
perfetto, così, fatta”;
posso andare a fare la pipì?”;
sì ma togli la mascherina”.

Scherzi a parte, l’ennesima messa in scena, in un momento così difficile per l’Italia e per il popolo della Lombardia, è stata davvero fuori luogo. “Tra l’11 giugno 1940 e il primo maggio 1945 a Milano sono morti sotto i bombardamenti della seconda guerra mondiale 2 mila civili. In due mesi, in Lombardia, per il Coronavirus sono morti 11.851 civili, 5 volte di più”. Lo ha detto stamane Domenico Arcuri, commissario all’emergenza. Basterebbero questi numeri a spiegare quanto sia deprecabile continuare con la propaganda intralciando il lavoro di chi sta combattendo il virus.

La verità è che l’emergenza ha messo a nudo tutta la mediocrità di una certa classe politica, delle caricaturali figure di spicco di un partito e del suo leader. E lo stanno capendo in molti anche nel feudo lombardo. Non basteranno certe messe in scena a convincerli del contrario.

Leggi anche: 1. Ragazza difende i migranti sul profilo di Salvini: fan leghisti la ricoprono di insulti sessisti / 2. Salvate il soldato Vittorio Feltri

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)