Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Mettiamo tutti quanti la bandiera tricolore italiana alla finestra. Oggi più che mai (di Luca Telese)

Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

Mettiamo la bandiera tricolore alla finestra tutti quanti. Alla faccia della Lagarde. Alla faccia di chi cerca - come uno sciacallo - di approfittare della nostra disgrazia per divulgare stereotipi contro il nostro paese, per colpirci o ghettizzarci

Coronavirus bandiera italiana: mettiamo il tricolore tutti quanti esposto alle finestre delle nostre case

Coronavirus Bandiera Italiana, di Luca Telese – Mettiamo il tricolore alla finestra. Per coerenza, per necessità. Se abbiamo esposto la bandiera per una partita degli azzurri, o per un mondiale, a maggior ragione bisogna metterlo oggi, nel giorno in cui l’Italia è impegnata nella partita più importante è drammatica: la sfida contro il Coronavirus. Mettiamo il tricolore alle finestre perché è bello, soprattutto insieme all’inno.

Mettiamolo per mostrare che ci siamo, che non ci hanno silenziato, che non siamo spaventati e nascosti nei menarsi e nei tuguri. Mettiamo il tricolore alle finestre per farlo vedere al mondo. Mettiamolo alla faccia della Lagarde, mettiamolo alla faccia di chi cerca – come uno sciacallo – di approfittare della nostra disgrazia per divulgare stereotipi contro il nostro paese, per colpirci o ghettizzarci.

Mettiamolo per chi sta a casa, ma anche – e soprattutto – per tutti gli italiani che devono uscire di casa per far funzionare questo grande paese: per i postini, per i marinai, per i trasportatori, per i medici, per gli edicolanti, per i farmacisti, per i riders, per medici e infermieri, per gli operai delle fabbriche, per i bangla dei negozietti alimentari, per i lavoratori dell’informazione, per i bidelli che tengono in sicurezza le scuole. Mettiamolo per tutti quelli che sicuramente mi sono dimenticato.

Mettiamo questa bandiera alle finestre, perché mai come oggi deve sventolare in Europa. Mai come ora la devono vedere, in Europa. Mettiamola per ricordare a noi stessi e agli altri chi siamo: perché con tutti i nostri difetti, le nostre legittime paure, i nostri momenti difficili, noi siamo una cosa molto semplice nel mondo e nella storia: noi siamo gli italiani, noi siamo quelli del Piave e della Resistenza ai nazisti, e delle valige di cartone, siamo quelli di piazza Fontana e dei terremoti, noi siamo quelli che non li ammazzi mai.

Leggi anche: 1. Coronavirus, Christine Lagarde fa il contrario di Mario Draghi. E l’Europa torna matrigna

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gli Stati Uniti non hanno ancora fatto i conti con il razzismo (di A. Stille)
Opinioni / Letta è pronto a “derenzizzare” il Pd: l’indiscrezione dal Nazareno
Opinioni / Il mio ritorno a Parigi due anni dopo (di V. Magrelli)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gli Stati Uniti non hanno ancora fatto i conti con il razzismo (di A. Stille)
Opinioni / Letta è pronto a “derenzizzare” il Pd: l’indiscrezione dal Nazareno
Opinioni / Il mio ritorno a Parigi due anni dopo (di V. Magrelli)
Opinioni / Il successo ha fallito (di G. Gambino)
Opinioni / Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)
Opinioni / Monti, Giorgetti & Co: quelli che preferiscono Draghi alla democrazia
Opinioni / Il capitalismo ci annulla come individui: ecco come sfuggire a un sistema che ci rende infelici
Opinioni / “Caro Draghi, ho due case e guadagno bene: mi spiega perché deve abbassare a me le tasse e non ai più poveri?”
Opinioni / Dopo il ddl Zan, la nuova maggioranza Italia Viva-centrodestra affossa anche la legge anti-lobby
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia