Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Conte, non perdere tempo con Salvini e Meloni e pensa alle bollette degli italiani

Immagine di copertina

E così sono partiti gli applausi e le ire. Da una parte quelli che “Conte ha asfaltato Salvini e Meloni” dall’altra parte i tifosi di Salvini e Meloni a dirci che “questo è fascismo” e la rissa è servita. Una conferenza stampa che è stata annunciata tutto il giorno, per due giorni, come se fosse l’attesa nuova stagione di una serie tv, pronta a inserirsi tra la via crucis del Papa e a irrompere nei telegiornali si è trasformata in un picco di emozioni senza fatti.

Certo non è facile fare il presidente del consiglio in piena pandemia in un Paese in cui l’opposizione gioca a cavalcare l’indignazione bombardando con informazioni semivere una popolazione in quarantena ma forse sarebbe il caso di interrogarsi sul ruolo istituzionale che un presidente del consiglio a reti unificate ha in questo momento: esattamente cosa ci ha detto ieri Conte? Ci ha detto che bisogna stare a casa (beh, ovvio) ma non ha comunicato nulla più di questo: non ha speso una parola sulle casse integrazioni che ancora non si sbloccano, non ha speso una parole sui 600 euro per le partite iva e che invece sono bloccati (e forse qualcuno dovrà ripetere addirittura la procedura) non ci ha detto nulla su come il governo abbia intenzione di affrontare la Fase 2 al di là della comunicazione di una task force che penserà come fare, non ha indicato una strategia, non ha dato nessuna informazione. Pensateci, al di là dell’attacco alle opposizioni e al prolungamento del lockdown ieri Conte non ha dato un solo strumento, uno solo, per rassicurare concretamente le famiglie che lo seguivano.

Salvini e Meloni stanno lucrando sulla pandemia? Certo, fin dall’inizio, quella è la loro natura, il loro unico modo per fare politica e agitare il borsello elettorale. Questo è un Paese che è in campagna elettorale permanente da decenni, ben prima di Conte e di Salvini, è uno dei problemi atavici dell’Italia. Ma questo è il momento di governare e non di fare can can politico, e se davvero Conte vuole passare per il presidente super partes che sogna di diventare, allora potrebbe evitare di smarmellare conferenze stampa piuttosto paternalistiche in cui ci dice di fare i bravi e di comportarsi bene. Conte non è il Presidente della Repubblica: Conte sta in una posizione operativa in cui gli viene chiesto di fare e comunicare. Prima fare e poi comunicare. Possibilmente anche senza scadere nella polemica che può legittimamente esercitare in altri luoghi e in altri contesti. Volendo, poi, c’è anche un Parlamento che serve a questo.

Sì, è vero, Salvini si è preso la lezione che meritava (le bugie della destra sul MES sono qualcosa di vergognoso) ma la polemica durerà poco e poi ci sarà da pagare l’affitto e da comprarsi il cibo. Quindi?

Leggi anche: 1. Ansia, insonnia, irritabilità: gli effetti della quarantena sulla salute mentale /2. Coronavirus, come proteggere la propria salute mentale

3. Muore a 36 anni per Coronavirus, l’infermiere in lacrime: “Insieme per un mese, sarai sempre con me” /4. Coronavirus, cos’è successo a febbraio in quella clinica di Piacenza? La vera storia di un boom di contagi

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’ipocrisia degli Usa: il diritto ad avere armi è sacro, quello di abortire no
Opinioni / La felicità è una cosa seria (di G. Gambino)
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’ipocrisia degli Usa: il diritto ad avere armi è sacro, quello di abortire no
Opinioni / La felicità è una cosa seria (di G. Gambino)
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Opinioni / Perché la sinistra ha dimenticato la lezione di Berlinguer (di G. Cuperlo)
Opinioni / Berlinguer e il seme dell’austerità rivoluzionaria che il Pd dovrebbe coltivare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra