Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La verità è che Conte vuole fare l’influencer

Immagine di copertina

Mezzo milione di nuovi follower personali: questo il risultato dell’aver trasmesso il messaggio istituzionale del Governo, attraverso la pagina pubblica di Giuseppe Conte. Una strategia, perché di questo si tratta, che non è passata inosservata tra gli addetti ai lavori della politica e della comunicazione. Una scelta senz’altro utile per Conte, che in poche ore riesce ad aumentare i suoi fan del 35 per cento, una strategia che con tecniche di inserzioni Facebook a pagamento sarebbe costata tra i 500.000 e il milione di euro.

conte fan facebook

Una scelta, che, però, deve far riflettere tutti: un messaggio istituzionale è un asset, ha un valore inestimabile (anzi, in questo caso stimabile nella cifra sopra riportata), e proprio per questa ragione deve essere veicolato seguendo la più corretta deontologia.

Gli Stati Uniti conoscono bene questa tematica: per questa ragione negli USA il presidente degli Stati Uniti utilizza l’account @Potus – President of the United States, oppure l’account @WhiteHouse per dare informazioni istituzionali.

Restano presenti anche gli account personali, ma in fase di trasmissione di comunicazioni istituzionali, si preferiscono gli strumenti non personali. La filosofia è che i presidenti passano, e in Italia pure più velocemente, ma gli strumenti devono restare un asset pubblico.

In Italia, al contrario, la pagina istituzionale “Palazzo Chigi- Presidenza del Consiglio dei Ministri” non solo non ha pubblicato contenuti originali, ma ha condiviso il post del profilo di Giuseppe Conte, come avrebbe fatto qualunque fan dell’influencer di turno.

Può sembrare un dettaglio irrilevante, ma mezzo milione di nuovi fan alla pagina istituzionale della Presidenza del Consiglio avrebbero rappresentato un asset per il Paese, conservabile nel tempo, e valorizzabile nell’interesse generale.

Nemmeno la Rai, azienda pubblica che vive di pubblicità e di canone dei cittadini, ha potuto valorizzare questo messaggio. E dire che un aumento medio degli ascolti sarebbe stato utile, in ottica di attrazione di investimenti pubblicitari.

Va aggiunto che la diretta Facebook presenta una particolarità rispetto a normali post: gli spettatori ricevono sempre una notifica di invito a seguire la pagina. E quale cittadino in Italia, in una fase di pandemia, non desidera rimanere aggiornato sugli sviluppi che riguardano il Paese, l’economia e la salute?

Con questa mossa, Conte è arrivato a 2.139.000 follower, poco meno della metà di Salvini, che a questo ritmo potrebbe però essere raggiunto in due o massimo tre nuove dirette Facebook.

conte salvini facebook

Se questa è la strategia, non è una buona notizia. La personalizzazione del ruolo istituzionale rappresenta un punto di non ritorno della politica italiana. Un pericoloso divismo che supera i normali codici deontologici della politica e della comunicazione e che può fare danni a tutti: cittadini, media e classe politica.

La nota di Palazzo Chigi

Le dichiarazioni del Presidente del Consiglio di sabato sera sono state diffuse secondo la consueta modalità utilizzata dalla Presidenza del Consiglio. In caso di importanti dichiarazioni pubbliche del Presidente del Consiglio, infatti, i principali canali televisivi pubblici e privati – avvisati per tempo – accedono attraverso collegamento diretto al segnale audio-video fornito dalla sala regia della Presidenza del Consiglio. Contemporaneamente le dichiarazioni vengono trasmesse in streaming sul canale You Tube della Presidenza del Consiglio e sulla pagina Facebook di Giuseppe Conte. Per conseguenza, anche le dichiarazioni di sabato sera sono andate in onda, per volontaria iniziativa, su RAI1 (edizione straordinaria TG1), Rainews24, La7, SKYTG24, Canale5 (edizione straordinaria TG5) e Rete4 e contemporaneamente su YouTube e sulla pagina Facebook di Giuseppe Conte. Questo ha permesso di raggiungere un ampio numero di destinatari, ivi compresi le persone sorde e con ipoacusia che hanno potuto seguire le dichiarazioni del Presidente con traduzione Lis sul segnale YouTube della Presidenza del consiglio a loro dedicato.

Leggi anche:

  1. “Chiudere tutto!” è una iattura. Chiediamoci quando potremo riaprire perché stiamo rischiando troppo; 2. Perché in Lombardia si muore? Gli errori di Fontana e altre sette importanti ragioni
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo il disastro Lombardia col Covid, Fontana parla ancora di velocità lombarda
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo il disastro Lombardia col Covid, Fontana parla ancora di velocità lombarda
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Opinioni / I Giochi di Tokyo 2020 hanno segnato il trionfo definitivo del sexy sport (di C. Sabelli Fioretti)
Opinioni / Grazie Simone Biles per essere “crollata”: ci hai insegnato cos’è la vera forza
Opinioni / L'ultima sparata di Pillon: sopravvivere attaccati a un macchinario è "naturale" (di G. Cavalli)
Opinioni / Il piano Covid non c’è, le assunzioni neanche, rebus trasporti: il Governo dei Migliori si è dimenticato della scuola
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Cronaca / Altro che giovani sfaticati: il caso di Grafica Veneta dimostra che certi imprenditori cercano solo schiavi (di G. Cavalli)