Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)

Immagine di copertina

La scorsa settimana Kyle Rittenhouse, 18enne che un anno fa a Kenosha, nel Wisconsin, ha ucciso due persone e ne ha ferita una terza sparando con un fucile d’assalto durante una manifestazione, è stato assolto da tutte le accuse. Mentre si discute della giustizia o dell’ingiustizia del verdetto, c’è un punto fuori discussione: quell’arma ha provocato una tragica e assurda perdita di vite umane.

Gli Stati Uniti sono davanti a tutte le democrazie stabili del mondo per numero di morti per armi da fuoco. Ogni anno circa 40mila americani perdono la vita per questa causa: un livello che supera di gran lunga il bilancio delle vittime negli anni più duri della guerra in Vietnam. Circa la metà di questi decessi sono omicidi, l’altra metà suicidi.

Milioni di americani acquistano armi per tenersi al sicuro, ma le statistiche dicono che queste persone hanno tre volte più probabilità di morire per arma da fuoco, che sia per sbaglio, in un conflitto o perché qualcuno ha puntato l’arma contro loro stessi. E forse è ancora più inquietante il fatto che un numero crescente di americani, in particolare tra i sostenitori di Donald Trump, concepiscano la violenza come una forma legittima di azione politica. Ad esempio, da quando sugli aerei è obbligatorio indossare la mascherina, abbiamo assistito a un preoccupante aumento di litigi a bordo dei velivoli: quest’anno la Federal Aviation Administration ha registrato già 4.385 eventi di «passeggeri indisciplinati», due terzi dei quali relativi all’obbligo di mascherina.

Le minacce di morte contro i membri del Congresso, inoltre, sono raddoppiate tra 2020 e 2021: i politici che non erano d’accordo con Trump, che hanno votato per il suo impeachment o che hanno certificato le elezioni del 2020 sono stati vittime di molestie o hanno dovuto fare i conti con manifestazioni davanti alle loro case.

La rivolta del 6 gennaio, quando migliaia di sostenitori di Trump hanno preso d’assalto il Congresso per impedire la certificazione dell’elezione a presidente di Joe Biden, ha aumentato gli appetiti di violenza politica. Il 39 per cento degli elettori repubblicani considera la violenza appropriata «se i leader eletti non proteggono l’America». Due terzi dei repubblicani continuano a credere che Biden abbia rubato le elezioni del 2020, nonostante infiniti riconteggi e zero prove di frode diffusa.

A un raduno conservatore nell’Idaho, il mese scorso, un uomo si è avvicinato al microfono e ha chiesto: «Quando potremo usare le armi? Quante elezioni ruberanno prima che uccidiamo queste persone?». Il pubblico ha applaudito e un funzionario repubblicano locale l’ha definita una «domanda legittima». La disinformazione sistematica, il culto americano delle armi e le tendenze sempre più autoritarie di uno dei due principali partiti sono una combinazione letale.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale 1971: la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale 1971: la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Opinioni / Il centrosinistra reagisca alla candidatura di Berlusconi al Quirinale prima che sia troppo tardi (di M. Tarantino)
Opinioni / Se Draghi va al Colle serve un governo politico (di G. Cuperlo)
Opinioni / Pd, a sostenere Draghi al Quirinale sono rimasti solo Letta, Zingaretti e Guerini
Opinioni / Il futuro degli imprenditori in Afghanistan non dipende dai talebani (di W. Samadi)