Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Il ministro Toninelli twitta sui migranti salvati a largo della Libia, ma riporta solo informazioni sbagliate

Immagine di copertina

Dopo terribili ore nel Mediterraneo, in cui hanno rischiato la vita cento persone a bordo di un barcone in difficoltà a 60 miglia a nord dalla città di Misurata, in Libia, il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture italiano, Danilo Toninelli, ha twittato sull’accaduto. Ma la sua comunicazione è piena di dettagli errati:

Il tweet del ministro dei trasporti Danilo Toninelli

Il tweet – “La nave Sierra Leone, sotto coordinamento libico, sta iniziando a prendere a bordo i 100 migranti dal gommone. Tutto si svolge secondo le convenzioni internazionali, i naufraghi andranno a Tripoli. Seguo con attenzione, nella speranza che l’operazione si concluda senza problemi” così scrive il ministro Toninelli.

Leggi anche: “Soccorsi da un cargo della Sierra Leone i 100 migranti alla deriva. Torneranno in Libia”

Cargo sbagliato – Una nota di Palazzo Chigi ha poi chiarito che a occuparsi dei soccorsi, per conto della Guardia costiera libica, è un mercantile battente bandiera del Sierra Leone, il cargo Lady Sharm. Sierra Leone non è dunque il nome della nave, ma il paese che ha inviato il mercantile.

Il luogo di arrivo – I migranti faranno ritorno sì in Libia, da dove il barcone era partito, ma come si legge nella nota ufficiale: “Verranno portati in salvo nel porto di Misurata”, non a Tripoli come aveva scritto il ministro.

La sicurezza del paese – Danilo toninelli esulta per il viaggio di ritorno di cento persone che sono scappate esattamente da quel paese, la Libia. Sul social network parla di rispetto delle convenzioni internazionali, in realtà sulle coste e nelle pigioni libiche, secondo Human Rights Watch, le convenzioni internazionali sui diritti dell’uomo sono state violate ripetutamente.

 

Ti potrebbe interessare
Migranti / Migranti, dopo 7 anni si chiude il caso della nave Iuventa: tutti prosciolti
Migranti / Migranti, sbarchi anche a Natale: a Lampedusa approdate quasi 300 persone
Migranti / Migranti, accordo Roma-Tirana: l’Italia gestirà due centri in Albania
Ti potrebbe interessare
Migranti / Migranti, dopo 7 anni si chiude il caso della nave Iuventa: tutti prosciolti
Migranti / Migranti, sbarchi anche a Natale: a Lampedusa approdate quasi 300 persone
Migranti / Migranti, accordo Roma-Tirana: l’Italia gestirà due centri in Albania
Migranti / Catania, la giudice Apostolico non convalida i trattenimenti di altri 4 migranti
Migranti / “Il decreto sulle espulsioni accelerate è illegittimo”: il tribunale di Catania libera quattro migranti del centro di Pozzallo
Migranti / Governo, nuovo decreto anti-migranti: sarà espulso chi mente sull’età
Migranti / Lampedusa, bimbo di 5 mesi muore durante lo sbarco: sotto shock la madre 17enne
Migranti / Naufraga barchino a sud di Lampedusa, un morto. Dispersi una donna e un bambino
Migranti / Tragedia a Lampedusa, naufraga barca di migranti: morto bimbo di 4 anni. “La madre ha tentato di salvarlo”
Esteri / Naufragio Pylos, le 19 telefonate che le autorità greche hanno ignorato: “Aiuto, sarà la nostra ultima notte”