Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Chi è il prossimo terrorista latitante su cui la Lega vuole mettere le mani dopo Battisti

Immagine di copertina

Dopo la cattura e l’estradizione dell’ex terrorista Cesare Battisti [chi è], la Lega lancia un appello alla Francia per il rientro in Italia di Giorgio Pietrostefani, condannato a 22 anni per l’omicidio del commissario Luigi Calabresi ma fuggito in Francia per non scontare la sua pena.

> Qui gli ultimi aggiornamenti su Cesare Battisti in Italia

Pietrostefani è tra i fondatori di Lotta Continua ed è da anni latitante a Parigi.

“La smetta di coprirlo e ce lo consegni per restituire giustizia al commissario Calabaresi, alla sua memoria e alla sua famiglia”, è l’appello della Lega diretto al presidente francese Emmanuel Macron.

> Chi sono i latitanti italiani all’estero

“Ora che, finalmente, inizia a sgretolarsi il muro di protezioni ideologiche che ha protetto a livello internazionale i terroristi italiani espatriati per oltre tre decenni, è arrivato il momento di riportare in Italia, nelle patrie galere, quella cinquantina di assassini ancora a piede libero”.

La richiesta della Lega è stata lanciata da Paolo Grimoldi, vicepresidente della commissione Esteri alla Camera: il Carroccio chiede che Giorgio Pietrostefani venga estradato in Italia perché sia fatta giustizia per la morte del commissario Calabresi. La Lega vuole dietro le sbarre “gente che si è rifatta una vita, che ha avuto una vita, a differenza delle loro vittime”.

L’ex terrorista rosso Giorgio Pietrostefani è stato condannato a 22 anni di carcere per l’omicidio del commissario Calabresi, ma dal 2000 vive in Francia: era tornato in Italia per il processo a suo carico, ma dopo la sentenza definitiva ha lasciato il paese.

“È l’unico dei colpevoli di quel delitto a non aver scontato interamente la pena inflittagli dalla giustizia italiana, se non in una minima parte prima di scappare in Francia. Sofri e Bompressi hanno pagato il loro debito per quell’omicidio, Pietrostefani no”.

“La Francia smetta di coprirlo e ce lo consegni per restituire giustizia al commissario Calabaresi, alla sua memoria e alla sua famiglia”, è stato il messaggio di Paolo Grimoldi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I proiettili usati per reprimere le manifestazioni in Iran sono prodotti da un’azienda italo-francese
Esteri / Uccide il compagno con una coltellata e rivela l’omicidio su Facebook cambiando lo status in “vedova”
Esteri / “Harry aspetta un figlio dalla sua amante”: lo scoop che fa tremare il principe
Ti potrebbe interessare
Esteri / I proiettili usati per reprimere le manifestazioni in Iran sono prodotti da un’azienda italo-francese
Esteri / Uccide il compagno con una coltellata e rivela l’omicidio su Facebook cambiando lo status in “vedova”
Esteri / “Harry aspetta un figlio dalla sua amante”: lo scoop che fa tremare il principe
Esteri / Le artiste iraniane sfidano il regime mostrandosi senza velo
Esteri / Foto hot su Onlyfans: poliziotta di Scotland Yard sospesa dal servizio
Esteri / Spagna, la destra di Vox in piazza contro Sánchez: “Governa contro il popolo, dimissioni subito”
Esteri / Riportato in vita un virus intrappolato nel permafrost siberiano per 48.500 anni
Esteri / Guerra in Ucraina, la rivelazione del New York Times: “La Nato sta finendo armi e munizioni”
Esteri / Proteste in Cina, la Bbc denuncia l’arresto di un suo inviato: il giornalista Ed Lawrence
Esteri / La “famiglia Rapunzel”: quattro metri di chioma tra madre e figlie | VIDEO