Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

“Ho fatto l’infiltrato sulle navi delle ong per conto della Lega e di Salvini. Oggi mi hanno abbandonato”

Immagine di copertina

Pietro Gallo, agente della sicurezza a bordo della Vos Hestia, racconta al Fatto del suo compito di documentare presunti illeciti nella gestione dei salvataggi dei migranti

“Lei si rende conto che era una sorta di ‘infiltrato’ a bordo per conto della Lega? Certo”.

Questo è uno dei passaggi dell’intervista concessa al Fatto Quotidiano da Pietro Gallo, agente della sicurezza a bordo della Vos Hestia, la nave utilizzata da Save The Children per i soccorsi.

Grazie alle rivelazioni di Gallo, nell’ottobre 2016, partirono le indagini della procura di Trapani sulle Ong.

Un’intervista che ha fatto molto discutere e che mostra come Gallo fosse una sorta di infiltrato nel mondo delle Ong per conto della Lega e di Matteo Salvini.

L’iniziativa, va detto, era partita dallo stesso Gallo che oggi si dice pentito e abbandonato. Il compito di Pietro Gallo era quello di documentare presunti illeciti nella gestione dei salvataggi dei migranti, scattare fotografie, arrivare persino a registrare delle conversazioni con esponenti di Save The Children.

Gallo racconta di essersi offerto volontariamente a Salvini per fornirgli prove contro le Ong; di aver chiesto protezione in caso di perdita del lavoro e di aver ricevuto rassicurazioni, ma che poi il lavoro lo ha perso e non ha avuto nulla.

“Quando la collega incontrò Salvini a Milano con il suo staff, spiegò che rischiavamo di perdere il lavoro, perché ci avrebbero ritenuto delle spie. La collega mi riferì d’essere stata rassicurata: le dissero di non preoccuparsi”, si legge nell’intervista, che continua:

“Come ha inteso questa rassicurazione? Se avessi perso il lavoro, avrei ricevuto un aiuto a trovarne un altro. Infatti l’ho perso. Non ho mai chiesto nulla. Però, ho ricevuto delle minacce, collegate alle mie denunce sulle Ong, e quando l’ho fatto presente allo staff del ministro non ho ricevuto neanche una telefonata di solidarietà.

Gallo prosegue e spiega che Salvini senza di lui non avrebbe mai costruito la sua campagna elettorale, il suo consenso e nemmeno la sua politica estera; alla domanda “lei nei suoi mesi a bordo ha assistito a contatti tra Ong e trafficanti?” risponde “No, mai”; ammette di aver fatto la spia per conto della Lega e di questo si vergogna, “anche per assenza di solidarietà e gratificazione”.

Un passaggio particolarmente interessante dell’intervista riguarda i contatti tra Ong e trafficanti.

“Lei nei suoi mesi a bordo ha assistito a contatti tra Ong e trafficanti?”, viene chiesto a Gallo. Il quale risponde:  “No. Mai. Noi ci piazzavamo in punti dove di solito erano già avvenuti i recuperi. Ho svelato che i trafficanti accompagnavano i gommoni e davanti a noi li riportavano indietro”.

Va inoltre detto che le dichiarazioni di Gallo sono state considerate attendibili. La procura ha indagato 20 persone, tra comandanti delle navi e volontari delle ong Jugend Rettet, Save the Children e Medici senza frontiere. È l’unica inchiesta sulle Ong rimasta in piedi.

Le altre sono state archiviate. L’accusa: favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La procura ha sempre precisato: gli eventuali reati sono avvenuti esclusivamente per salvare vite umane.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Migranti / Francia, respinti 123 migranti fatti sbarcare dalla Ocean Viking dopo il rifiuto dell’Italia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Migranti / Francia, respinti 123 migranti fatti sbarcare dalla Ocean Viking dopo il rifiuto dell’Italia
Migranti / Migranti, Piantedosi: “Navi ong violano le leggi, legittimo considerare il loro passaggio non inoffensivo”
Migranti / Migranti, la Ocean Viking sbarcherà in Francia: “Caso eccezionale, scelta incomprensibile dell’Italia”
Migranti / Neonato di 20 giorni morto a largo di Lampedusa, la madre: “Volevo portarlo in Italia per farlo curare”
Migranti / Migranti, Meloni risponde alla Francia: “Rispettate tutte le regole. Bizzarra la scelta dei medici sugli sbarchi”
Cronaca / Migranti, dalla nave Geo Barents sbarcheranno tutti. Medici senza frontiere: “A bordo urla e pianti di gioia”
Migranti / Migranti, Piantedosi: “Sui diritti umani non accettiamo lezioni da nessuno”
Cronaca / Rapporto Migrantes, sempre più giovani all’estero: “L’Italia ristagna nelle sue fragilità”