Covid ultime 24h
casi +20.709
deceduti +684
tamponi +207.143
terapie intensive -47

Video | Gli immigrati africani rispondono al sindaco di Milano: “Sala, anche lei? Questo è becero razzismo”

Le affermazioni rilasciate dal sindaco di Milano Giuseppe Sala sugli immigrati africani hanno fatto molto discutere, tanto che due ragazzi africani hanno deciso di rispondere

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 23 Ott. 2018 alle 09:43 Aggiornato il 23 Ott. 2018 alle 10:04
0

“In primis bisogna distinguere tra immigrazione degli africani e altri immigrati. L’ immigrazione africana porta persone che hanno livello di istruzione pari a zero e che non hanno mai lavorato. Questa è la verità. Bisogna accogliere quelli che fuggono dalle guerre”.

Queste e altre affermazioni rilasciate dal sindaco di Milano Giuseppe Sala al quotidiano La Verità hanno fatto molto discutere, tanto che due ragazzi africani hanno deciso di rispondere al sindaco realizzando un breve filmato.

“Abbiamo letto l’intervista del sindaco Sala, noi definiti come problema, volevamo mandare un saluto”, dicono i due.

“E tu cosa fai nella vita?”, chiede uno. E l’altro risponde: “Eh, faccio il medico e sono africano. So leggere e non sono un problema”, risponde l’altro.

Così i ragazzi vanno avanti: “Una domanda: hai imparato a scrivere quando sei arrivato qui?”. E l’altro prontamente: “No, ho imparato a scrivere a cinque anni, in Burundi. Stranamente anche in Burundi c’è la scuola”.

“Sembra che sto colore qua, gli africani non sanno leggere, non sanno parlare”.

“il problema gravissimo è che io non posso andare in giro a dire che io sono quell’africano che sa leggere”, proseguono.

Il video va avanti e i ragazzi affermano:

“Sarebbe ora, in una nazione come l’Italia, con questi stereotipi da due soldi, con questo razzismo. Siamo passati dall'”immigrazione è un problema” al nero, prima c’era l’uomo nero ora non facciamo solo paura. Questo è becero razzismo. Lasciamo farlo a Salvini, ma anche lei. È un’uscita che fa male alla comunità di Milano”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.