Covid ultime 24h
casi +9.938
deceduti +73
tamponi +98.862
terapie intensive +47

Sea Watch, Di Maio: “Malta faccia sbarcare i migranti, noi li accoglieremo”

Il vicepremier si rivolge al governo maltese e tende la mano ai migranti bloccati dal 22 dicembre in mare

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 4 Gen. 2019 alle 18:33 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:34
0
Immagine di copertina

“Malta faccia sbarcare subito donne e bambini da quelle imbarcazioni e li mandi in Italia. Li accoglieremo. Siamo pronti ancora una volta a dare, come sempre, una lezione di umanità  all’Europa intera”.

Sono queste le parole del vicepremier Luigi Di Maio, che si esprime così sulla vicenda della nave umanitaria Sea Watch, che dal 22 dicembre è in attesa di un porto sicuro in cui sbarcare.

ESCLUSIVO TPI: Sea Watch, Malta: “Di Maio non ha deciso nulla, la Germania lo ha ricattato e ha ceduto”

“Due navi ai confini dell’Europa. Ancora una volta solo l’Italia viene chiamata in causa. Malta non fa attraccare le imbarcazioni nonostante siano nelle loro acque territoriali a un miglio dalla costa. Tutta l’Europa se ne frega. Non possiamo continuare a cedere a questo ricatto”.

“Ma per me nessun bambino con la sua mamma può continuare a stare in mare ostaggio dell’egoismo di tutti gli Stati europei. Malta faccia sbarcare subito donne e bambini da quelle imbarcazioni e li mandi in Italia. Li accoglieremo. Siamo pronti ancora una volta a dare, come sempre, una lezione di umanità all’Europa intera”.

“Poi ci mettiamo al telefono con ognuno dei capi di stato europei e li costringiamo a rispettare le quote previste per ogni Paese. Questa Europa così non va, la cambieremo con le prossime elezioni europee. Ma i bambini non possono pagare il prezzo di un’Europa che si gira dall’altra parte per non vedere”.

Dopo Francia, Germania e Olanda sembra quindi che anche l’Italia sia disposta a tendere la mano ai migranti bloccati al largo di Malta, anche se il vicepremier non ha parlato di porti aperti né di sbarchi.

Il ministro Salvini fin dal primo momento aveva avvertito che non c’era spazio in Italia per le navi delle Ong, né per i migranti, innescando un nuovo scontro con alcuni sindaci italiani, de Magistris in primis.

Il primo cittadino di Napoli infatti ha scritto una lettera al comandante della Sea Watch 3 in cui ha manifestato la disponibilità del capoluogo campano ad accogliere l’imbarcazione.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.