Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Migranti, nella notte la nave della Ong spagnola Open Arms ha salvato 87 persone in acque internazionali

Immagine di copertina

La nave della Ong spagnola Proactiva Open Arms ha soccorso nella notte tra l'1 e il 2 agosto 87 migranti, 8 dei quali minori, 6 non accompagnati, a 40 miglia dalle coste libiche

La nave della Ong spagnola Proactiva Open Arms ha soccorso nella notte tra l’1 e il 2 agosto 87 migranti, 8 dei quali minori, 6 non accompagnati, a 40 miglia dalle coste libiche.

Sono quasi tutti sudanesi, c’è un egiziano, un siriano e un gambiano, secondo quanto riferito dall’inviato per TPI.it Valerio Nicolosi che si trova a bordo della nave. Qui il suo diario di bordo per TPI. 

I profughi erano rimasti per due giorni alla deriva prima di essere soccorsi dalla nave della Ong.

La chiamata è arrivata dalla Guardia costiera libica, a cui ha fatto seguito un messaggio scritto dalla Guardia costiera italiana.

I migranti sono stati recuperati in acque internazionali e non saranno riportati a Tripoli, in Libia.

Secondo quanto riferito, saranno invece trasportati in Spagna, considerato un porto sicuro.

 

I migranti, quindi, non saranno riportati in Libia a differenza di quanto accaduto con la nave commerciale italiana Asso 28.

L’imbarcazione, nave di supporto a una piattaforma petrolifera, nei giorni scorsi aveva soccorso 108 migranti che si trovavano a bordo di un gommone nel mar Mediterraneo e che li aveva riportati in Libia, porto considerato non sicuro dalla comunità internazionale, senza consentire loro di fare domanda di asilo.

Anche in quel caso le operazioni di soccorso erano state coordinate dalla Guardia costiera libica, ma il salvataggio, a differenza di quello operato dalla Open Arms, era avvenuto in acque territoriali libiche.

In questo articolo Riccardo Gatti, capo missione della Open Arms, ha raccontato in esclusiva a TPI.it il fumoso susseguirsi degli eventi che hanno portato il cargo della compagnia Augusta Offshore Spa a soccorrere i migranti e a riportarli a Tripoli.

Ti potrebbe interessare
Migranti / Migranti, sbarchi anche a Natale: a Lampedusa approdate quasi 300 persone
Migranti / Migranti, accordo Roma-Tirana: l’Italia gestirà due centri in Albania
Migranti / Catania, la giudice Apostolico non convalida i trattenimenti di altri 4 migranti
Ti potrebbe interessare
Migranti / Migranti, sbarchi anche a Natale: a Lampedusa approdate quasi 300 persone
Migranti / Migranti, accordo Roma-Tirana: l’Italia gestirà due centri in Albania
Migranti / Catania, la giudice Apostolico non convalida i trattenimenti di altri 4 migranti
Migranti / “Il decreto sulle espulsioni accelerate è illegittimo”: il tribunale di Catania libera quattro migranti del centro di Pozzallo
Migranti / Governo, nuovo decreto anti-migranti: sarà espulso chi mente sull’età
Migranti / Lampedusa, bimbo di 5 mesi muore durante lo sbarco: sotto shock la madre 17enne
Migranti / Naufraga barchino a sud di Lampedusa, un morto. Dispersi una donna e un bambino
Migranti / Tragedia a Lampedusa, naufraga barca di migranti: morto bimbo di 4 anni. “La madre ha tentato di salvarlo”
Esteri / Naufragio Pylos, le 19 telefonate che le autorità greche hanno ignorato: “Aiuto, sarà la nostra ultima notte”
Migranti / “Non lasciamo sola l’Italia sui migranti”: l’apertura di Macron a Meloni in vista del G7