Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Io condannata per aver trasportato migranti in Francia”, parla l’italiana Francesca Peirotti

Immagine di copertina
Francesca Peirotti

Francesca Peirotti, 31enne italiana, è stata condannata a 6 mesi di carcere per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina dopo aver aiutato alcuni migranti nel 2016

Alla fine di luglio la trentunenne italiana Francesca Peirotti è stata condannata a 6 mesi di carcere dalla corte di Appello di Aix-en-Provence, in Francia, che l’ha riconosciuta colpevole di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

La condanna al carcere, sospesa con la condizionale, è arrivata dopo una sentenza in primo grado molto più lieve, una multa da mille euro.

Nonostante la nuova condanna, Peirotti ha dichiarato a TPI.it che lei e il suo avvocato non si fermeranno. “Abbiamo fatto appello e andremo avanti”, ha detto.

A novembre 2016 Peirotti, originaria di Cuneo ma residente a Marsiglia, tentò di portare (illegalmente secondo l’accusa) otto richiedenti asilo da Ventimiglia oltre il confine francese di Mentone.

I migranti erano originari dell’Eritrea e del Ciad, e tra loro c’era anche un neonato. Il trasporto avvenne su un furgone con il logo della Croce Rossa, e la ragazza venne fermata dalla polizia francese sull’autostrada all’altezza di Mentone.

“Ho aiutato degli amici”, è la versione dell’italiana. “Li ho accompagnati a Nizza e avevo intenzione di ospitarli a casa mia. Gli avrei chiesto dove fossero diretti e se avessero avuto bisogno di abiti o altro. Li stavo solo aiutando”.

Francesca Peirotti è convinta che il suo sia stato un processo politico.

“È palese che sono andati ben oltre i fatti”, dice a TPI.it. “Ma va bene perché anche il nostro a Nizza era stato un processo politico, in cui avevamo cercato di spostare l’attenzione sul vero problema: cioé le frontiere e cosa causano”.

“Non sono certo io una vittima di questo”, aggiunge. “Sono tutte quelle persone bloccate in condizioni disumane dalla Libia a tutti i confini interni in Europa”.

In una precedente intervista, l’italiana aveva detto che il confine di Ventimiglia per chi ha la pelle chiara e i documenti italiani non esiste. “Io sono di Cuneo e ho passato tutte le estati della mia infanzia al mare. Attraversavo il confine e nessuno mi diceva niente”, ha spiegato.

A giugno la Corte costituzionale francese si è espressa in favore di Cédric Herrou, dicendo che la solidarietà del del contadino francese nei confronti dei migranti non è reato e stabilendo che, in nome del “principio di fraternità”, non può essere perseguito chi offre un sostegno disinteressato a un migrante irregolare.

Herrou aveva offerto ospitalità nella sua casa ai migranti che attraversavano il confine tra Italia e Francia.

Mercoledì 1 agosto, la Francia ha definitivamente approvato la nuova legge sul diritto d’asilo e l’immigrazione con 100 voti a favore e 25 sfavorevoli.

Il disegno di legge, proposto dal ministro dell’Interno Gerard Collomb, era stato fortemente criticato dalle associazioni in difesa dei diritti dei migranti e aveva mostrato le prime crepe in seno alla maggioranza.

Il testo ambisce a ridurre la durata della procedura per ottenere la protezione internazionale, a facilitare i respingimenti di chi non ha avuto lo status di rifugiato e a migliorare le condizioni di accoglienza, e di protezione, per chi invece l’ha ottenuto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gerusalemme, nuovo attentato: 13enne spara e ferisce due persone, civili armati lo fermano | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev lancia l’allarme: “La Russia prepara una grande offensiva per il 24 febbraio”
Esteri / Stati Uniti, giovane afroamericano pestato a morte da 5 agenti: il video shock
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gerusalemme, nuovo attentato: 13enne spara e ferisce due persone, civili armati lo fermano | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev lancia l’allarme: “La Russia prepara una grande offensiva per il 24 febbraio”
Esteri / Stati Uniti, giovane afroamericano pestato a morte da 5 agenti: il video shock
Esteri / Gerusalemme, sparatoria nei pressi di una sinagoga: 7 le vittime
Esteri / Soldato russo scappa dalla caserma e arriva in Lettonia: concesso asilo politico
Esteri / Orrore negli Usa: 19enne viene investita e uccisa da un’auto dopo uno stupro di gruppo
Esteri / Tragedia in Australia, bimba di 5 anni muore soffocata mentre mangia una merendina: la madre prova invano a salvarla
Esteri / Ladro entra in un appartamento ma si ubriaca e sviene: il proprietario lo ritrova sdraiato sul pavimento
Esteri / Mosca: “Biden ha chiave per finire guerra in Ucraina ma non la usa”
Esteri / Regno Unito, 14enne inala gas del deodorante e muore per arresto cardiaco: trovata senza vita in cameretta