Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Ilva, il messaggio del deputato M5S: “Inquinamento è solo inutile allarmismo”

Immagine di copertina

Chiusura dell’Ilva di Taranto e riconversione: erano queste le promesse fatte dal Movimento 5 Stelle ai cittadini della città pugliese in campagna elettorale.

>> “Il M5S ha tradito Taranto”: la rabbia dei residenti per il caso Ilva

Peccato però che a un anno dall’insediamento del Governo giallo-verde l’acciaieria sia ancora aperta e l’inquinamento continui ad essere una piaga lungi dall’essere debellata. Ma non finisce qui.

A sottolineare il cambio di prospettiva dei 5 Stelle sull’Ilva ci pensa il deputato Giovanni Vianello, che su Facebook critica la reazione dei cittadini di Taranto dopo la pubblicazione dei risultati delle analisi sull’inquinamento dell’Arpa.

“Non voglio essere negazionista perché rimango coerente con la posizione di sempre, estremamente critica nei confronti del siderurgico che ad oggi non ha ancora dimostrato di non essere un rischio per la salute”.  Ma le relazioni di Arpa e Asl consegnate al sindaco di Taranto “confermano che c’è stato un inutile allarmismo scatenato a tavolino”.

Secondo il deputato pentastellat0, quando si parla di Ilva “ci si addentra in un contesto privo di qualsiasi aderenza scientifica, caratterizzato dalla presenza di politici che creano preoccupazione fra le persone e da pseudo-ambientalisti fortemente politicizzati e interessati a primeggiare contro la forza politica di turno, i quali proprio per questo fomentano l’allarmismo, confondono la cittadinanza e intercedono nello sviluppo di un’opinione pubblica disinformata e a caccia di scoop inesistenti”.

Secondo Vianello, “siamo di fronte a un vero e proprio disagio sociale che da troppe settimane tiene sotto scacco la città di Taranto e la sua amministrazione: gli ultimi report di Asl e di Arpa in mio possesso sono chiari ed escludono qualsiasi tipo di situazione d’emergenza, sia dal punto di vista ambientale che sanitario, del resto non si possono chiudere gli occhi davanti a 60 anni di inquinamento selvaggio”.

Un messaggio in diretta contraddizione con ciò che Vianello aveva affermato in un’intervista del febbraio 2018: “Non c’è futuro per l’Ilva, impossibile da ambientalizzare o da rendere economicamente sostenibile con improbabili ‘decarbonizzazioni’, vista la sovrapproduzione nel mercato dell’acciaio che l’ha già condannata alla chiusura”.

Un anno dopo, a cambiare è stata solo la posizione dei 5 Stelle sul dossier Ilva. Tutto il resto è rimasto tristemente – e mortalmente – uguale.

>> Disastro ambientale Taranto, avvocato denuncia lo Stato e inizia lo sciopero della fame: “Basta malattie e morte”

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Earthship, la casa fatta di rifiuti e materiali ecosostenibili
Ambiente / Filippine: la salvezza delle mangrovie dipende dalle donne
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Earthship, la casa fatta di rifiuti e materiali ecosostenibili
Ambiente / Filippine: la salvezza delle mangrovie dipende dalle donne
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ambiente / Scoperto un nuovo pesce “trasparente”
Ambiente / La Norvegia dice addio alle miniere di carbone nell’Artico
Ambiente / Negli ultimi dieci anni è scomparso quasi un corallo su sei in tutto il mondo
Ambiente / Svolta ecologica? Con Cingolani no di certo: va pazzo per atomi e trivelle
Ambiente / Luca Mercalli a TPI: “A Draghi and Co. dico che non c’è crescita infinita in un mondo di risorse limitate”
Ambiente / Altro che prodotti finanziari ecologici: ecco tutte le bugie dei fondi green
Ambiente / Amata dai giovani, temuta dai potenti: i miei tre giorni con Greta Thunberg