Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Massacrato di botte sul bus, 29enne ghanese resta paralizzato a vita

Immagine di copertina

Il giovane è stato pestato da uno sconosciuto mentre rientrava a casa dopo il lavoro, a Castel Volturno, in provincia di Caserta

Gambe e braccia paralizzate a vita a causa di un’aggressione di matrice razzista. È la tragica storia di Jerry, un immigrato ghanese di 29 anni massacrato di botte mentre si trovava a bordo di un autobus a Castel Volturno, in provincia di Caserta.

Il giovane stava rientrando a casa dopo una normale giornata di lavoro come saldatore, quando è stato aggredito da uno sconosciuto.

“Ho chiesto all’autista del pullman di poter scendere e mi sono alzato dal mio posto per far accomodare una signora. C’era una persona avanti a me a cui ho chiesto cortesemente di farmi passare per scendere. Lui mi ha mandato a quel paese. Io gli ripetevo ‘Scusa mi fai scendere?’. L’ho ripetuto tre volte senza avere risposta. Quando gli sono passato accanto lui mi ha sferrato un colpo alle spalle e sono caduto fuori dal pullman”, racconta Jerry in un’intervista a Fanpage.

Dopo essere caduto, l’immigrato ancora a terra è stato nuovamente colpito dall’uomo.

Il pestaggio ha causato al ghanese la paralisi totale degli arti, sia quelli superiori sia quelli inferiori.

Oggi Jerry è costretto a vivere su una sedia a rotelle, assistito 24 ore su 24 da personale sanitario.

“Le mie mani non funzionano più. I miei piedi non funzionano più”, dice il giovane.

All’immigrato è stata diagnosticata una paraplegia degli arti inferiori e la diparesi degli arti superiori e la diagnosi è definitiva, il che significa che la condizione di paralisi non è reversibile.

“È qualcosa di drammatico e intollerabile, visto che non c’è mai stato nessun dissidio e non conosce il suo aggressore e non lo ha mai conosciuto”, commenta il legale di Jerry, l’avvocato Hiliary Sedu.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / 40mila migranti respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila morti. L'inchiesta del Guardian
Migranti / Naufragio al largo della Libia, Mezzaluna Rossa: "50 morti"
Migranti / Migranti: naufragio al largo della Libia, 11 corpi recuperati
Migranti / Senza gli immigrati l’economia italiana crollerebbe: ogni anno producono il 9% del Pil. Il rapporto della fondazione Leone Moressa
Migranti / Barcone con 56 persone a bordo si capovolge a largo della Libia, l’allarme di Unhcr
Migranti / Migranti, nessuna invasione: il rapporto che smentisce le fake news su chi arriva in Italia
Migranti / Ocean Viking, i 182 migranti sbarcheranno a Messina