Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Migranti

Migrante picchiato a sangue da tre giovani, nessuno lo ha aiutato

Immagine di copertina
Salife nella foto ha 21 anni e viene dal Gambia

La vittima del pestaggio è Salife, un giovane gambiano di 21 anni della comunità di Pizza Armerina

Nel giorno della visita di Papa Francesco alle diocesi in Piazza Armerina e di Palermo un migrante è stato picchiato a sangue da tre giovani. migrante picchiato Piazza Armerina

La vittima del pestaggio è Salife, un giovane gambiano di 21 anni della comunità di Pizza Armerina. L’aggressione è stata denunciata dall’associazione Don Bosco 2000 che si occupa della formazione e dell’integrazione degli stranieri.

Salife è stato picchiato, gli hanno rotto i denti è stato preso a calci e pugni e gli è stato anche sottratto il cellulare che aveva con lui.

Il giovane gambiano era entrato nelle villa comunale dove erano stati allestiti degli stand in occasione della visita di Francesco.

In tre lo hanno aggredito e gli hanno rubato il cellulare. Gli operatori del centro, la mediatrice Edit Onome e la Coordinatrice Samantha Barresi hanno passato la notte con il ragazzo tra il pronto soccorso e la questura per denunciare l’aggressione alla polizia.

“Altre volte insulti e furti ai migranti ma tutto passa nell’indifferenza”, dicono dallo Sprar.

Salife ha raccontato: “Uno mi ha afferrato e mi ha spinto a terra, poi sono arrivati gli altri due e tutti insieme mi hanno preso a pugni e a calci”.

Al pronto soccorso la prognosi è di dieci giorni: Salife ha due denti rotti, le labbra spaccate, tumefazioni sul volto e sul corpo, forti dolori all’addome ma nessuna frattura.

“È tutto talmente paradossale, è stata una giornata bellissima, chiuderla con un gesto del genere ci fa moto riflettere e ci addolora – ha commentato Samanta Barresi, coordinatrice dello Sprar – in questa città c’è una componente giovanile, che soffre la disoccupazione e il degrado culturale, che se la prende con i migranti”.

“Furti, insulti, aggressioni verbali solo perché vanno in giro vestiti puliti e hanno un cellulare. Molti – ha aggiunto Barresi – pensano che siccome sono neri non dovrebbero averlo. Noi abbiamo sempre denunciato, ma ogni episodio passa nell’indifferenza generale e senza identificare i responsabili”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / 40mila migranti respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila morti. L'inchiesta del Guardian
Migranti / Naufragio al largo della Libia, Mezzaluna Rossa: "50 morti"
Migranti / Migranti: naufragio al largo della Libia, 11 corpi recuperati
Migranti / Senza gli immigrati l’economia italiana crollerebbe: ogni anno producono il 9% del Pil. Il rapporto della fondazione Leone Moressa
Migranti / Barcone con 56 persone a bordo si capovolge a largo della Libia, l’allarme di Unhcr
Migranti / Migranti, nessuna invasione: il rapporto che smentisce le fake news su chi arriva in Italia
Migranti / Ocean Viking, i 182 migranti sbarcheranno a Messina