Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Afghanistan, la Farnesina: “Mai messi al corrente del ritiro delle truppe”

Immagine di copertina

Il ritiro delle truppe dall'Afghanistan ha aperto una nuova frattura nei rapporti tra gli alleati di governo

Il 28 gennaio 2019 il ministero della Difesa ha annunciato il ritiro delle truppe italiane dall’Afghanistan aprendo una nuova frattura all’interno del governo.

Il ministro degli Esteri Moavero, in visita in Israele, aveva subito risposto di non essere stato informato dalla collega della Difesa Trenta e che avrebbe chiesto spiegazioni in merito.

“La Farnesina conferma di non essere mai stata messa al corrente delle intenzioni del Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, prima delle sue dichiarazioni alla stampa relative alla decisione di ritirare il contingente militare italiano dall’Afghanistan”, si legge nella nota rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri il 29 gennaio.

Il ritiro delle truppe italiane dal territorio afghano è stata accolta positivamente dal Movimento 5 Stelle e principalmente da Alessandro Di Battista, che ha elogiato su Facebook la decisione della ministra Trenta.

La Lega però si è dimostrata meno entusiasta e in molti hanno chiesto alla ministra Trenta di recarsi in Parlamento per spiegare nel merito la decisione di ritirare le truppe italiane.

La decisione della ministra era stata comunicata tramite una nota diffusa dal ministero in cui si leggeva che la Trenta “ha dato disposizioni di valutare l’avvio di una pianificazione per il ritiro del contingente italiano in Afghanistan in un orizzonte temporale che potrebbe essere quello di 12 mesi”.

Lo stesso giorno l’inviato speciale americano per la pace in Afghanistan Khalilzad aveva annunciato in  un’intervista che gli Usa e i talebani avevano raggiunto un’intesa preliminare per un nuovo accordo di pace nel paese asiatico.

I talebani e i rappresentati degli Usa si sono incontrati per sei giorni in Qatar, ma i miliziani continuano a rifiutarsi di sedersi allo stesso tavolo con il governo di Ghani, definito un “burattino degli Stati Uniti”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi