Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Migranti

Immigrazione, via alla task force italo-svizzera: nasce la “nuova polizia di frontiera”

Immagine di copertina
ANSA / MATTEO BAZZI / KLD

Da un lato la Polizia di Frontiera italiana. Dall’altra l’Amministrazione federale delle dogane. Il risultato: pattuglie miste italo-svizzere chiamate a presidiare le zone di confine, soprattutto su territorio italiano.

Si tratta, come annunciato dalle due autorità, di una “cooperazione transfrontaliera” per fermare i migranti che dall’Italia cercano di sconfinare in Svizzera attraverso “la predisposizione di servizi di pattugliamento misto finalizzati alla prevenzione e al contrasto alla migrazione illegale nell’area transfrontaliera”.

Il quadro normativo di riferimento viene da lontano: l’Accordo sulla cooperazione di Polizia e Doganale tra il Consiglio Federale Svizzero e il Governo della Repubblica Italiana entrato in vigore il 1° novembre 2016.

Ma con Matteo Salvini a capo della polizia italiana il “patto” ha subito negli ultimi mesi un’accelerazione importante, fino ad arrivare nella giornata del 17 febbraio scorso alla “dichiarazione congiunta per la definizione delle modalità operative” firmata, da parte svizzera, dal Direttore dell’AFD Christian Bock e, da parte italiana, dal Prefetto Massimo Bontempi (direttore della direzione Centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle Frontiere).

Le pattuglie miste sono così ora pronte ad essere impiegate soprattutto sul territorio italiano, nel comasco e nel varesotto: si parte il 15 marzo.

Le due forze “coopereranno nel quadro delle reciproche competenze nazionali, ai fini della prevenzione e della repressione della migrazione illegale”.

“Durante l’esecuzione di tali servizi”, si legge nella nota, “gli agenti di una parte operanti sul territorio dell’altra parte sono di ausilio agli agenti di quest’ultimo con compiti di assistenza, osservazione e informazione e non possono eseguire autonomamente misure di polizia.”

Gli agenti impiegati hanno seguito una formazione specifica congiunta che si è svolta di recente e che, di fatto, dimostra come quella messa in atto tra Italia e Svizzera sia più di una semplice “collaborazione”, andando più verso l’istituzione di un “nuovo corpo” di polizia di frontiera.

Le pattuglie saranno attive nelle aree di confine del Canton Ticino e nelle province di Como e Varese. Ovviamente, vista la “rotta” dei flussi, con un impiego maggiore sul territorio italiano.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi