Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

Il teatro di Buenos Aires trasformato in una stupenda libreria

Immagine di copertina

La capitale argentina è la città con più librerie al mondo: sono 734, pari a 25 ogni 100mila abitanti

La nazione ha subito numerose dittature militari, i cittadini hanno sopportato gli effetti di una gravissima crisi economica e convivono con una classe politica vituperata e spesso corrotta.

Forse è per questo che gli argentini trovano quiete in uno dei piaceri più antichi: leggere. Almeno in base ai dati del World Cities Culture Forum del 2015: Buenos Aires è la città con più librerie al mondo.

Con una popolazione di 2.8 milioni di abitanti, a Buenos Aires si trovano almeno 734 negozi di libri, cioè 25 ogni 100mila abitanti. Ad esempio una capitale della cultura letteraria come Parigi ne conta 9, Londra appena 4.

A fare nascere tra gli abitanti di Buones Aires l’amore per la lettura contribuì l’arrivo di centinaia di migliaia di immigrati europei tra la fine del Diciannovesimo secolo e i primi anni del Ventesimo.

Un secolo fa, l’Argentina era una delle nazioni più benestanti al mondo. Molti degli europei che arrivarono a Buenos Aires erano intellettuali e crearono nella città un ambiente multiculturale dove fiorì l’arte. Sono argentini due degli scrittori più importanti del Ventesimo secolo, come Jorge Luis Borges e Julio Cortàzar.

Ma ci sono anche ragioni più prosaiche: i libri sono uno dei pochi beni esenti dalla tassazione al 21 per cento e nel paese non si è ancora diffuso l’ebook e lo shopping online: basti pensare che Amazon non ha un sito in argentino e per importare libri stranieri su internet esistono numerose restrizioni e vincoli burocratici.

Non è un caso dunque se troviamo a Buenos Aires una delle più belle librerie al mondo, El Ateneo Grand Splendid. Un teatro costruito nei primi del Novecento e poi trasformato in una sala dove ballare tango, quindici anni fa è stato infine convertito in una gigantesca libreria.

Sono rimasti i vecchi teloni rossi del palco, le pareti affrescate e le eleganti poltrone del teatro, ma nelle gallerie e nell’arena centrale di oltre 21mila metri quadri ora sono esposti migliaia di libri e ogni anno la visitano oltre 1 milione di clienti. 

—LEGGI ANCHE: LE LIBRERIE PIÙ BELLE DEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Politica / Elezioni, al via la presentazione dei simboli di partito in Viminale: ecco quelli presentati finora
Politica / Il disegno di Renzi e Calenda è chiaro: “Al prossimo governo di destra daremo una mano”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Politica / Elezioni, al via la presentazione dei simboli di partito in Viminale: ecco quelli presentati finora
Politica / Il disegno di Renzi e Calenda è chiaro: “Al prossimo governo di destra daremo una mano”
Economia / Bonus 200 euro per le partite Iva: chi può richiederlo e come fare domanda
Politica / L’ultimo regalo di Draghi a Palazzo Chigi: Maserati in dote al governo. E tanti saluti alla transizione ecologica
Cronaca / Sardegna, lo stabilimento non ha il Pos, l’influencer chiama la Finanza. Il proprietario: “Tanto sono 30 euro di multa”
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci | Sabato 13 agosto 2022
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone e Vergine | Sabato 13 agosto 2022
Politica / Scompaiono i virologi, svanisce la pandemia. In campagna elettorale non c’è traccia del Covid
Politica / Calenda su Berlusconi: “Il Cavaliere non è in sé, non va eletto”