Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Questo artista realizza illustrazioni usando bustine di tè

Brian Kesinger è un illustratore statunitense che ama utilizzare il tè per colorare questi splendidi disegni steampunk

Di Emma Zannini
Pubblicato il 21 Nov. 2017 alle 16:27
168

Brian Kesinger è un illustratore statunitense che lavora da sedici anni per la Disney. Parallelamente però ama utilizzare il tè per creare questi disegni steampunk, una categoria che nasce nella narrativa per caratterizzare ambientazioni fantascientifiche in cui in un determinato contesto storico vengono introdotti elementi tecnologici appartenenti a epoche differenti, e che risultano quindi anacronistici.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Secondo quanto lui stesso afferma, Kesinger è sempre stato un appassionato del filone steampunk sin da quando la Disney nel 2001 ha realizzato il suo film Atlantis. L’impero perduto, una storia fantastica con molti riferimenti al romanzo di Jules Verne “Ventimila leghe sotto i mari”. Da quel momento Kesinger ha cercato un modo per dare una propria impronta e interpretazione al genere, fino a che non si è accorto che utilizzando il tè per dipingere, le immagini che uscivano fuori assumevano un carattere fortemente vintage, in linea con i caratteri tipici dello steampunk.

Il procedimento usato è molto semplice: dopo aver infuso la bustina nell’acqua, con un pennello di attinge dal tè proprio come fosse un acquerello.

Per capire quali varietà di tè producessero i colori più suggestivi l’artista ha sperimentato molto, per poi scoprire che a sortire i migliori effetti sono l’Earl Grey e il tè verde. Ora che ha affinato la tecnica, dopo aver ultimato il disegno Kesinger lo lascia asciugare per oltre due ore, in modo da assicurare la migliore resa cromatica. Solo ogni tanto aggiunge qualche pennellata con acquerelli per accentuare i tratti scuri del disegno.

L’artista, nel rendere pubbliche le sue illustrazioni, si è detto dispiaciuto che le persone non potessero sentirne l’odore.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

168
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.