Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Le ironiche illustrazioni che mostrano com’è convivere con l’ansia

La disegnatrice indiana Pranita Kocharekar ha sfruttato il suo disturbo mentale per realizzare "Riconoscere l'ansia", la serie di illustrazioni ironiche sulla quotidianità delle persone ansiose

Di Camilla Palladino
Pubblicato il 13 Mar. 2018 alle 11:37 Aggiornato il 13 Mar. 2018 alle 11:40
674

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) più di 260 milioni di persone nel mondo soffrono di ansia ma, nonostante i grandi numeri, le persone che non hanno questo tipo di problema continuano a dargli poca importanza, o a fraintenderne i comportamenti.

Queste persone sono costrette a convivere con stress e paure che spesso non vengono notate dall’esterno, ma che condizionano pesantemente la loro vita.

Per evitare che i sintomi dell’ansia e della depressione vengano fraintesi, la disegnatrice indiana Pranita Kocharekar, che ha a sua volta sofferto di ansia, ha deciso di rappresentare in una serie di illustrazioni ironiche cosa comporta vivere con l’ansia.

Il titolo del progetto è “Riconoscere l’ansia”, e offre una panoramica delle piccole sensazioni quotidiane con cui si devono confrontare le persone che soffrono di un tale disturbo mentale.

“Voglio dire alle persone che non sono sole. La malattia mentale può essere davvero difficile da gestire e sapere che non sei da solo è una salvezza”, ha raccontato Kocharekar a BoredPanda.

E con la sua serie di illustrazioni la disegnatrice induce alla riflessione le persone che non soffrono di disturbi mentali, ma al tempo stesso vuole far sorridere coloro che convivono con l’ansia facendogli notare che, nelle loro ossessioni, non sono soli.

Cosa si prova a convivere con l’ansiaCome capire se una persona soffre di depressione, e cosa fare per aiutarla | Convivere con la depressione | L’artista che illustra con ironia l’ansia e depressione

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

674
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.