Covid ultime 24h
casi +16.079
deceduti +136
tamponi +170.392
terapie intensive +66

La seconda marcia delle donne, a un anno dall’insediamento di Trump

Di Camilla Palladino
Pubblicato il 22 Gen. 2018 alle 10:56 Aggiornato il 22 Gen. 2018 alle 10:57
41

A un anno dalla prima Women’s March, la storia si ripete.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il 21 gennaio del 2017, a poche ore dall’elezione di Donald Trump come presidente degli Stati Uniti d’America, centinaia di donne erano scese in strada per manifestare contro la nuova presidenza.

Il 21 gennaio 2018, esattamente un anno dopo, le donne di tutto il mondo sono tornate a marciare, questa volta per la sensibilizzazione al voto, l’incitamento a recarsi alle urne, la possibilità di essere elette.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

#PowerToThePolls è il nuovo hashtag lanciato dalle dimostranti. Potere al voto, potere ai seggi, potere agli elettori.

Ma non è solo la politica a essere al centro dell’attenzione.

La marcia ribadisce ancora una volta, sulla scia dei recenti movimenti #MeToo e Time’s Up, l’importanza dell’uguaglianza di genere, e della denuncia nei confronti delle molestie e delle violenze sessuali.

La manifestazione, pur essendo nata negli Stati Uniti, tra sabato 20 e domenica 21 gennaio 2018 si è diffusa a macchia d’olio anche negli altri paesi del mondo, come Roma, Londra, Parigi, Sydney, Madrid e Buenos Aires.

Alla manifestazione, sia quella statunitense sia quella italiana, erano presenti moltissime celebrità che hanno tenuto discorsi e rilasciato dichiarazioni per dare una voce alle donne, per parlare a nome di tutte nel segno della parità di genere.

Anche su twitter, personaggi pubblici hanno dato il loro sostegno all’organizzazione e allo scopo della marcia.

È il caso di Hillary Clinton, che sul suo account privato ha scritto: “Nel 2017, la Women’s March è stata un faro di speranza e di provocazione. Nel 2018 è il testamento del potere e della resilienza delle donne di tutto il mondo. Fate vedere questo stesso potere alle urne quest’anno”.

E se l’appoggio di Hillary Clinton nei confronti della Women’s March non sorprende, a farlo è il tweet di Donald Trump.

“C’è un bel tempo in tutto il nostro grande paese, un giorno perfetto per tutte le Donne per Marciare. Uscite subito per festeggiare il traguardo storico e senza precedenti di un’economia di successo e una creazione di ricchezza che ha preso piede negli ultimi 12 mesi. La più bassa disoccupazione femminile negli ultimi 18 anni!”, ha twittato il presidente, in tono provocatorio.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

41
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.