Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Fobia e terrore: 17 illustrazioni mostrano ciò che ci spaventa di più al mondo

Il disegnatore Shawn Coss ha realizzato una serie di disegni che rappresentano le fobie più comuni tra le persone

Di Francesca Loffari
Pubblicato il 31 Ott. 2017 alle 12:19 Aggiornato il 31 Ott. 2017 alle 12:57
596

Cosa sono le fobie? E quali aspetti delle nostre esistenze possono coinvolgere? Siete certi di averne nessuna?

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Il disegnatore Shawn Coss ha realizzato disegni impressionanti, che mostrano alcune delle fobie più diffuse nel mondo, dal terrore dei clown, a quello per le chiese, fino alla paura ossessiva del parto.

Il termine fobia deriva dal greco φόβος, phóbos – panicov- e indica una paura e repulsione persistenti e irrazionali di determinate situazioni, oggetti, attività, animali o persone.  In alcuni casi può limitare l’autonomia del soggetto, che tenderà ad evitare di trovarsi in circostanze che potrebbero scatenare il terrore.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Da cosa nasce la fobia? In termini psicoanalitici, deriva dalla rimozione di contenuti inconsci, che quando si manifestano portando l’individuo a evitare certe situazioni.  L’evento traumatico, che avviene nel periodo dell’infanzia o dell’età adulta, subisce un fenomeno di spostamento su una situazione o oggetto specifico. Secondo l’approccio comportamentista, invece, la fobia si origina dall’associazione di un oggetto – che diventerà quello della fobia – a un’esperienza spiacevole.

Contorni netti, tratto marcato e una potenza espressiva che cattura l’attenzione, sono alcune delle caratteristiche di questi disegni, che intendono esprimere la difficoltà di vivere nella costante paura di qualcosa o qualcuno.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

596
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.