Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

Volti sfigurati, corpi fatti a pezzi: le foto che mostrano gli effetti della bomba atomica su Hiroshima

Immagine di copertina
Vittime del bombardamento rifugiate all'interno di una banca adibita a ospitare i feriti e i senzatetto. Credit: Keystone-France/Gamma-Keystone via Getty Images

Questa serie di fotografie inedite mostra le conseguenze e gli effetti devastanti sulla città di Hiroshima e sulla sua popolazione

Il 6 agosto del 1945 gli Stati Uniti sganciarono la prima bomba atomica sulla città giapponese di Hiroshima. Morirono 140mila persone, di cui la maggior parte civili.

Questa serie di fotografie inedite mostra le conseguenze e gli effetti devastanti sulla città di Hiroshima e sulla sua popolazione.

Il 90 per cento della città fu raso al suolo. Il 6 agosto 1945, nel giro di pochi minuti, la bomba atomica sganciata dall’aereo statunitense Enola Gay distrusse completamente case, scuole, ospedali, strade e ponti.

Tre giorni dopo il bombardamento di Hiroshima, il 9 agosto 1945, una seconda bomba atomica fu sganciata su Nagasaki. L’ordigno era più potente di quello utilizzato su Hiroshima, ma il numero di vittime fu inferiore.

Per errore, la bomba colpì la Valle di Urakami, zona industriale che alcune colline separavano dal centro della città. Circa 40mila persone morirono immediatamente, altre 40mila nei giorni e mesi successivi.

Al momento dell’esplosione, la temperatura nella città di Hiroshima era pari a 60 milioni di gradi.

Molti hibakusha – nome giapponese che indica i superstiti – non hanno mai voluto confessare di essere sopravvissuti all’esplosione della bomba, per paura delle discriminazioni e dello stigma che colpivano chi era stato esposto alle radiazioni.

“Avevo bruciature e deformazioni così evidenti che non potevo mantenere il segreto”, racconta alla Bbc Shizuko Abe, 18enne all’epoca dell’esplosione. “I miei figli hanno subito discriminazioni. Vengono chiamati i bambini dell’A-bomb“.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Food blogger chiede un pranzo stellato gratis per sette persone. Lo chef Usai la gela così
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 30 gennaio 2023
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Food blogger chiede un pranzo stellato gratis per sette persone. Lo chef Usai la gela così
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 30 gennaio 2023
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Cronaca / Giarrusso nel Pd, l’ira di Alessandro Gassman: “Non vi voterò mai più”
TV / Biscottificio Casilino, qual è l’azienda della quarta puntata di Boss in incognito 2023
TV / Siccità: tutto quello che c’è da sapere sul film di Paolo Virzì
TV / Grande Fratello Vip 2022-2023: le anticipazioni della puntata di oggi, 30 gennaio
TV / Report: le anticipazioni della puntata di stasera, 30 gennaio 2023, su Rai 3
TV / Boss in incognito 2023: le anticipazioni della quarta puntata del docu-reality di Rai 2