Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home

Da Mostar a Srebrenica passando per Sarajevo: fratture e immagini della Bosnia Erzegovina

Immagine di copertina
Mostar ancora oggi è una città di fratelli divisa tra Est e Ovest. Ma anche tra turisti mezzo vestiti e abitanti mezzo nudi. Le fratture ed i pericoli della nostra modernità qui si palesano in tutta la loro evidenza. Credit: Claudio Colotti

Il fotoreportage di Claudio Colotti attraverso il paese dove l'ultra nazionalista separatista Milorad Dodik ha vinto le elezioni del 7 ottobre

La Bosnia Erzegovina rimane un paese diviso. Lo era prima della tornata elettorale appena trascorsa e continuerà ad esserlo.

Percorrendo la direttrice che da Mostar porta a Srebrenica passando per Sarajevo si è obbligati a fare i conti con le profonde fratture etnico linguistiche tra bosgnacchi musulmani, serbi ortodossi e croati cattolici.

Neppure la storia recente è condivisa, la guerra civile degli anni Novanta con le sue stragi è ancora oggetto di disputa con i negazionisti serbi che fanno la voce grossa.

Nel passaggio tra la Federazione di Bosnia ed Erzegovina e quell’entità che prende il nome di Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina, dove l’ultra nazionalista separatista Milorad Dodik ha vinto le elezioni e rappresenterà i serbi in Parlamento, nemmeno i cimiteri sfuggono alla logica del conflitto.

Così capita di vedere famiglie musulmane che in punta di piedi vanno a pregare i propri morti ammazzati, in una terra che non li vuole.

Testo e immagini di Claudio Colotti

Le elezioni in Bosnia Erzegovina

Domenica 7 ottobre si sono svolte in Bosnia le elezioni parlamentari e presidenziali.

Nello specifico, i cittadini hanno eletto quattro presidenti, due vicepresidenti, cinque assemblee parlamentari e dieci cantonali. Per il governo centrale gli elettori hanno votato per le due camere del Parlamento e le tre presidenze (croata, bosniaca e serba che ruotano ogni 8 mesi).

Nella stessa giornata si è votato anche per decidere i vertici delle due entità che compongono la Repubblica: i deputati, il presidente, il suo vice della Repubblica serba e il Parlamento bicamerale della Federazione croato-musulmana, chiamata in seguito a decidere il presidente e i suoi due vice.

Milorad Dodik è il candidato eletto dalla Repubblica serba: fondatore del partito Snsd, Alleanza dei socialdemocratici indipendenti, nazionalista, negazionista del massacro di Srebrenica, in campagna elettorale ha promesso di rendere  indipendente dal parte serba della Bosnia.

Dodik è noto per le sue posizioni filorusse e per la sua opposizione all’ingresso della Bosnia Erzegovina nell’Unione europea.

Sefik Dzaferovic, candidato del Partito d’azione democratica di centrodestra, è il presidente eletto dalla parte bosniaca. I croati hanno invece scelto come loro rappresentante Zaljko Komsic del Fronte democratico: Komsic, a differenza del suo sfidante Dragan Covic, si è schierato a sostegno della comunità bosniaca e a difesa della società multietnica che caratterizza il paese.

Leggi anche: Viaggio a Srebrenica: 23 anni dopo il terribile genocidio i giovani provano a reinventare la città

Leggi anche: “Quando noi professori francesi usavamo la cultura come resistenza nella Sarajevo sotto assedio”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / De Raho: “Beatificazione di Rosario Livatino un momento di cambiamento”
Politica / Molte rischiano il ritorno in arancione. I governatori: "Abolire l'indice Rt"
TV / Ascolti tv venerdì 7 maggio: Top dieci, L’Isola dei Famosi 2021, Mother’s Day
Ti potrebbe interessare
Cronaca / De Raho: “Beatificazione di Rosario Livatino un momento di cambiamento”
Politica / Molte rischiano il ritorno in arancione. I governatori: "Abolire l'indice Rt"
TV / Ascolti tv venerdì 7 maggio: Top dieci, L’Isola dei Famosi 2021, Mother’s Day
Cronaca / "I morti di Covid nel mondo sono il doppio di quelli ufficiali"
Politica / Brevetti vaccini, Draghi apre a Biden: “Una deroga temporanea non è un danno per le aziende”
Oroscopo / Oroscopo Branko oggi, sabato 8 maggio 2021: le previsioni segno per segno
Cronaca / Von der Leyen: "Lo stop ai brevetti non risolve il problema"
Cronaca / Somministrate 23.1 milioni di dosi
Sondaggi / Lega ancora in calo, Pd e Fdi sono ormai a un passo
Terremoti / Terremoto oggi in Italia 8 maggio 2021: tutte le ultime scosse | Tempo reale